In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Blitz al rave party a Spresiano, sequestrata droga

Spresiano. Festa abusiva con musica ad alto volume in riva al Piave. Identificati sessanta ragazzi, denunciati gli organizzatori

di Marco Filippi
1 minuto di lettura

SPRESIANO. S’erano organizzati bene con tanto di furgone, casse giganti per sparare la musica a tutto volume e la droga, per lo più marijuana, per lo sballo. Avevano individuato anche il luogo, appartato e in mezzo alla natura, tipico dei rave party. Ma non avevano fatto i conti con il vento che ha facilitato la “diffusione della musica” verso le prime case, situate nel raggio di oltre un chilometro, dal punto dove si faceva la festa. Sono stati gli abitanti della zona attorno al greto del Piave a Spresiano a svegliarsi e a chiamare il centralino della questura. Pochi minuti più tardi polizia, carabinieri e guardia di Finanza, in un’improvvisata operazione congiunta, hanno circondato la zona del rave party. Alla vista dei lampeggianti c’è stato il fuggi-fuggi generale. Nonostante ciò le forze dell’ordine sono riuscite ad identificare una sessantina di partecipanti, una decina dei quali trovati in possesso di sostanze stupefacenti, in particolare hashish e marijuana, e segnalati alla Prefettura. Saranno denunciati per organizzazione di manifestazione non autorizzata e invasione di terreni, anche i cinque organizzatori della festa, uno dei quali “il basista” di Spresiano.

Il fatto è stato scoperto all’alba di ieri, poco prima delle 6. È a quell’ora che alcuni abitanti della zona, che sorge attorno al greto del Piave di Spresiano, sulla stradina delle Grentine (nella zona dove sorge la “Cantina Podere la Nona Pietra”), chiamano il 113 per segnalare di essere stati svegliati, a notte fonda e di non essere più riusciti a chiudere occhio, dalla musica ad altissimo volume di qualche locale o festa nelle vicinanze. Subito nella zona si portano alcune pattuglie della questura e successivamente vengono supportate anche dai carabinieri e dalla guardia di Finanza.

Le forze dell’ordine capiscono subito che non c’è nessuno spettacolo o festa in locali della zona, ma è in corso un rave party, una festa a base di droga e musica ad alto volume. Il tutto finalizzato allo sballo.

Il blitz scatta all’improvviso. Una manovra a “tenaglia” da parte delle pattuglie che, nonostante il fuggi fuggi generale, ha permesso di bloccare e identificare una sessantina di partecipanti alla festa, provenienti da tutto il Veneto. Una decina sono stati trovati in possesso di droghe leggere, in particolare hashish e marijuana, mentre i cinque organizzatori della festa “abusiva” sono stati denunciati per manifestazione non autorizzata ed invasione di terreni. In particolare uno spresianese ed un vicentino, proprietario del Ducato, adibito a “consolle” da dove veniva “sparata” la musica ad alto volume.


 

I commenti dei lettori