In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Un sexy shop in piazza a Spresiano: "Apro in due mesi"

Spresiano. Vibratori, unguenti, costumini sexy, video hard, sex toys di ogni tipo: in piazza “Trevisani nel Mondo” sarà possibile fare shopping a luci rosse

1 minuto di lettura

SPRESIANO. È un po’ come lanciare il sasso e nascondere la mano, ma è bastato l’annuncio per far discutere tutta la città. Mirio Zolini, già noto alle cronache per la battaglia ingaggiata nei mesi scorsi con il Comune di Spresiano in difesa del suo punto scommesse Snai, si dice pronto a una nuova avventura imprenditoriale: nello stesso locale gestito fino all’inizio del 2017 intende aprire un sexy shop. Vibratori, unguenti, costumini sexy, video hard, sex toys di ogni tipo: in piazza “Trevisani nel Mondo” sarà possibile fare shopping a luci rosse. C’è chi accoglie la notizia con ironia («Perfetto corollario per le proposte del nostro sindaco di aprire case chiuse comunali» suggeriscono dall’opposizione), chi mantiene equidistanza e chi gioisce. Sui social network il diretto interessato annuncia la possibilità di qualche sostanzioso sconto in fase di avviamento.

Mirio Zolini precisa però che è ancora presto: «Non c’è ancora niente di concreto». Starebbe attendendo il via libera alla richiesta di finanziamento. Pubblicamente, su Facebook, appare più fiducioso: «Dal momento che mi hanno tolto la possibilità di svolgere la attività di scommesse sportive in piazza Trevisani nel mondo, torno aprire - dichiara con un post nel gruppo “Sei di Spresiano se” - con una diversa attività, che non porterà dipendenza ludopatica ma solo piacere. Aprirà tra un paio di mesi e sarà un grande assortito sexy shop. Vi aspetto numerosi». Provocazione o marketing preventivo? Come si dice in questi casi «chi vivrà, vedrà». Al Comune non risulta nulla, ma il primo cittadino Marco Della Pietra, rimane sostanzialmente indifferente: «È di sicuro un’attività legale, ed è su questo piano che devo valutarla. Sul fatto del decoro, non penso che incida più di tanto. Di certo non è stato un mio intervento a fare chiudere il precedente punto Snai. Se l’idea della nuova attività si concretizza, non vedo perché no». (m.m.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

I commenti dei lettori