Imprenditore di Castelfranco picchia la moglie davanti ai carabinieri

Castelfranco. Imprenditore edile in pensione arrestato dai militari chiamati dalla compagna dopo l’ennesimo episodio di violenza

CASTELFRANCO . Anni di angherie, umiliazioni e botte, poi mercoledì non ce l’ha più fatta a sopportare e ha composto il 112 chiedendo ai carabinieri di intervenire. Ma neanche di fronte alle divise la violenza si è fermata. La vittima è una donna di 67 anni, il suo persecutore è il marito, 69 anni, ex impresario edile, arrestato per maltrattamenti in famiglia. La vicenda si svolge a Salvarosa dove i due risiedono da anni e finora non era mai emersa.

Nessuna denuncia, nessun ricovero o cura al pronto soccorso che avesse fatto insospettire il personale sanitario, facendo di conseguenza scattare una segnalazione che chiarisse quello che invece i carabinieri hanno potuto verificare con i propri occhi.

Già perché le manette sono scattate in flagranza di reato. La chiamata al numero di emergenza dell’Arma è avvenuta mercoledì poco dopo le dieci: dall’altra parte del filo, una voce concitata invocava aiuto per quanto stava avvenendo tra le mura domestiche. Subito una pattuglia del nucleo operativo e radiomobile si è precipitata nell’abitazione della coppia.

E qui i carabinieri hanno capito subito che la faccenda era seria e, purtroppo, reale. L’arrivo dei militari ha fatto scattare nuovamente la rabbia dell’imprenditore in pensione che poco prima era passato alle vie di fatto con la moglie. Il fatto che la sua reazione violenta potesse confermare le accuse della moglie contro di lui non lo ha fatto desistere o dissimulare: ancora una volta ha minacciato pesantemente la donna.

Successivamente lei è stata sottoposta a un controllo medico che ha stabilito una prognosi di cinque giorni per le percosse subite mercoledì mattina, ultimo capitolo di una situazione che durava da parecchio tempo. Non è chiaro perché l’uomo manifestasse un astio così forte nei confronti della moglie fino al punto di metterle le mani addosso, episodio che pare si sia ripetuto più volte nel corso della loro convivenza.

E probabilmente con maggior frequenza da quando i due vivevano soli, dopo che i figli si sono sistemati. Anche stando a sentire la testimoninaza di vicini e conoscenti non era mai emersa una situazione che avesse superato un normale diverbio coniugale. Invece sono stati anni non solo di minacce, ma anche di botte in ogni occasione in cui l’uomo si sentiva contraddetto oppure le cose non andavano come desiderava. Mercoledì mattina, le ennesime percosse sono state la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Prendendo il coraggio a due mani, la moglie è riuscita a fare quello che probabilmente aveva in mente da tempo, ma che non aveva mai osato portare a compimento, temendo che la situazione precipitasse ulteriormente: chiedere aiuto alle forze dell’ordine.
 

Video del giorno

XFactor, soffre di crisi di panico e deve cantare seduta: Phoebe supera le paure e conquista tutti

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi