Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Schianto in auto, muore padre di tre figli

Tragico incidente sulla Valsugana. La vittima è Marco De Felici, impresario di 59 anni residente a Borso del Grappa

BORSO DEL GRAPPA. Tragico frontale tra due auto in Trentino: muore un papà di Borso del Grappa, che lascia moglie e tre figli. Marco De Felici, impresario di 59 anni, ha perso la vita ieri poco dopo le 13 sulla Statale 47 della Valsugana, all'altezza di Ospedaletto, in provincia di Trento. Aveva a lungo vissuto in Trentino, e pare che si stesse recando a fare visita ad alcuni parenti.

Purtroppo a nulla sono serviti gli interventi dei vigili del fuoco, di una pattuglia dei carabinieri di Borg ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

BORSO DEL GRAPPA. Tragico frontale tra due auto in Trentino: muore un papà di Borso del Grappa, che lascia moglie e tre figli. Marco De Felici, impresario di 59 anni, ha perso la vita ieri poco dopo le 13 sulla Statale 47 della Valsugana, all'altezza di Ospedaletto, in provincia di Trento. Aveva a lungo vissuto in Trentino, e pare che si stesse recando a fare visita ad alcuni parenti.

Purtroppo a nulla sono serviti gli interventi dei vigili del fuoco, di una pattuglia dei carabinieri di Borgo Valsugana, di due ambulanze e dell’elisoccorso. È invece in condizioni gravissime, ma non sarebbe in pericolo di vita, l'altro automobilista, A.M., 33 anni, originario di Napoli ma residente a Enego, in provincia di Vicenza. Il 33enne è stato trasportato d'urgenza in elicottero al vicino ospedale di Santa Chiara. All'arrivo dei soccorsi invece per De Felici, originario di Roma, purtroppo non c'era più niente da fare: era già morto sul colpo.

La notizia del tragico incidente è piombata in paese solo nel tardo pomeriggio di ieri lasciando tutti sotto choc. «Una famiglia tranquilla», raccontano i vicini di casa, «molto riservati, gente per bene e cordiale». La famiglia De Felici si era trasferita in paese appena una decina di anni fa. Marito, moglie e tre figli avevano lasciato il Trentino scegliendo un'abitazione di via Lavazza, al confine con Mussolente e la provincia di Vicenza. Lui nella vita lavorava come impresario edile; la moglie, Federica Ferrari, gestisce un negozio di tendaggi e arredamento in centro a Bassano. Un anno fa, dopo il funerale della madre, Marco De Felici aveva deciso di tumularla nella cappella di famiglia in Trentino dove si recava spesso con la sua famiglia. E ieri l’ultimo viaggio in Trentino dello sfortunato 59enne era stato organizzato, pare, proprio per andare a trovare alcuni parenti che vivono lì.

Secondo una prima ricostruzione fatta da alcuni testimoni alle forze dell'ordine, i due veicoli stavano percorrendo la Statale 47 quando si sono scontrati all'improvviso. Alla guida della Bmw station wagon c'era l’automobilista vicentino, che in pochi istanti avrebbe perso il controllo del suo mezzo invadendo così la carreggiata opposta. L'impatto con la Nissan è stato inevitabile: l'auto dell'impresario ha avuto la peggio finendo accartocciato in un campo. Non c'era tempo da perdere: entrambi gli automobilisti si erano ritrovati nella morsa delle lamiere, ad avere la peggio è stato il papà di Borso. Alla base dello schianto potrebbe esserci l'alta velocità, nonostante i limiti, su quel tratto di strada, siano fissati a 70 chilometri orari. In questa fase non si escluderebbe nemmeno un malore improvviso dell'automobilista di Enego, l'unico sopravvissuto al tremendo impatto. A stabilire con certezza la dinamica dell'incidente saranno i rilievi che ieri pomeriggio hanno impegnato le forze dell'ordine arrivati subito sul posto. A piangere la scomparsa dell'impresario ci sono la moglie Federica e i loro tre figli. Nei prossimi giorni sarà fissata la data dei funerali, che potrebbero essere celebrati tra mercoledì e giovedì.

Vera Manolli