Treviso. Infarto nella doccia: Lorena Facchin muore a 51 anni

Treviso. Ex dipendente Benetton, Lorena Facchin viveva a San Liberale ed era rimasta presto vedova: lascia una giovane figlia

TREVISP. Era una combattente, una donna che non si lasciava mai perdere d’animo, capace di lottare contro le difficoltà tenendo sempre alta la testa. L’ha fatto per anni anche e soprattutto per sua figlia, affetta dalla sindrome di down, avuta oltre vent’anni fa da quel matrimonio che purtroppo l’aveva lasciata vedova troppo presto. Giovedì sera il cuore di Lorena Facchin ha smesso dibattere d’un colpo, senza avvertire, senza permetterle di chiedere aiuto, lasciando sospeso sul precipizio tutto quello che la donna aveva costruito con fatica, e soprattutto il futuro di sua figlia, ingambissima e amatissima nel quartiere.

Lorena aveva 51 anni, viveva a San Liberale, ex dipendente della Benetton era rimasta fuori dalla fabbrica con la cosiddetta ristrutturazione, ma non si era persa d’animo e si era rimessa alla caccia di impiego. Come altri non poteva permettersi di essere disoccupata, e soprattutto per sua figlia che sapeva dipendere da lei e dalla sua forza. Unite, sorridenti, caparbie, Lorena e la sua bambina erano cresciute negli anni conquistandosi autonomia e rispetto con le unghie ed i denti senza mai perdere il sorriso e la capacità di stringersi attorno una grande famiglia di amici.

Sorella di Massimo Facchin, ben conosciuto anche per la sua partecipazione all’attività di quartiere con Indomita 21 e associazione di Santa Bona, Lorena aveva accompagnato sua figlia lungo tutto il percorso delle scuole dell’obbligo e da lì fino ad diploma. Una conquista, ottenuta anche sfidando e denunciando le mancanze di aiuti e le voragini dell’assistenza sociale che lo Stato dà (o per meglio dire dovrebbe dare) alle persone down e alle sue famiglie.

Ma mamma e figlia avevano vinto, e a dimostrarlo era anche l’orgoglio e la serenità che gli occhi di sua figlia sfoggiavano quando alcune settimane fa aveva lavorato da cameriera tra i tavoli del PerBacco, la notissima osteria di Monigo dove lei e la figlia erano molto amate.

Il suo cuore è ceduto di schianto poco dopo le otto di giovedì sera. Pare si fosse chiusa in bagno per una doccia, e non ne sia più uscita. In casa, con la figlia, c’era anche il compagno che dopo averla chiamata senza ottenere risposta ha aperto la porta e l’ha trovata a terra esanime.

Ieri, nel crocevia di strade che fa da cornice la vecchio Bar Rock ed alla piazza del quartiere a nord di Treviso il dolore per la morte di Lorena era palpabile. Pesava la scomparsa di una donna viva e attiva, una donna giovane e in gamba, ma pesava soprattutto il peso del destino di sue figlia, rimasta orfana di padre e di madre poco più che maggiorenne, e vittima di una sindrome che non ti rende diversa certo, ma ti rende tutto più difficile.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Truffe criptovalute, il caso Ntf spiegato in maniera semplice

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi