All'Electrolux: «Telelavoro? No, meglio la settimana corta»

Dipendenti e sindacati dell’Electrolux bocciano il progetto dell’impiego a casa e fanno controproposte

SUSEGANA. Smart working. All'Electrolux non si parla d'altro. Molti impiegati hanno addirittura il timore di dovere lavorare a casa, nel prossimo futuro. Meglio la fabbrica, nonostante la mobilità che impone. Meglio la flessibilità temporale che quella fisica, hanno detto i colletti bianchi interpellati da un questionario, nel giugno scorso, a Susegana e negli altri stabilimenti del gruppo.

Flessibilità temporale che nel caso specifico significa settimana corta, con concentrazione delle ore lavorative in 4 giorni; sincronizzazione dell'orario scuola-vacanze per i genitori vincolati dal calendario scolastico dei figli; orario flessibile in entrata e uscita. Tanti i motivi che fanno preferire la fabbrica, ma sullo sfondo rimane il timore di subire una dilatazione e quindi una completa saturazione dei tempi senza distinzione tra "casa" e lavoro.

«Dall'indagine emerge il bisogno di un luogo fisico di lavoro come elemento determinante dell'identità del lavoratore, di socializzazione, di sedimentazione delle conoscenze tecniche, di operatività, di condivisione e di relazione continua» spiega Augustin Breda, delegato Rsu, l'organizzazione sindacale che ha realizzato l'indagine «senza trascurare, infine, la consapevolezza che la situazione dell'infrastruttura tecnologica del paese, la precaria diffusione dell'alfabetizzazione informatica, la scarsa diffusione del wi-fi non consentono agevolmente di gestire attività da ogni luogo».

Tra robot, smart working e lavoro tradizionale, l'orientamento prevalente delle tute blu come dei colletti bianchi è di ripartire la quota di lavoro a disposizione, che tra l'altro in futuro sarà sempre più ridotto, anche attraverso la riduzione delle ore da lavorare, individuando modalità per mantenere standard invariati di retribuzione e contribuzione. «Una soluzione come questa - spiega Breda, tirando una sintesi dei questionari - consentirebbe non soltanto ad un numero maggiore di persone di vivere del loro lavoro e non di sussidi, con tutto quello che questo significa in termini di riconoscimento del proprio valore, di creazione di legami sociali, di responsabilizzazione e di crescita del know how tecnico complessivo del paese».

Senza contare che le aziende avrebbero recupero della produttività. Oltre che minori costi. Con lo smart working, infatti, è vero che le imprese non dovrebbero pagare il buono pasto o le diarie o, ancora, i rimborsi per le trasferte, ma dovrebbero accollarsi i costi per gli spazi di co working oppure le maggiorate spese casalinghe per elettricità, riscaldamento e connessione internet. «Riflessioni che contiamo di poter portare ad un tavolo di confronto con Electrolux su queste interessanti sollecitazioni» conclude il sindacalista.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Anno Zero di Renzo Mazzaro: Zaia, non fare lo struzzo

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi