Devastati dai vandali i servoscala per i disabili

I danneggiamenti avvenuti di giorno nel sottopasso tra il Duomo e le scuole Si sono accaniti sul sistema elettronico infilando un bastone negli ingranaggi

MONTEBELLUNA. Messi fuori uso dai vandali i due servoscala del sottopasso del Duomo. Alcuni giorni fa qualcuno li ha volutamente danneggiati rompendoli e rendendoli inutilizzabili.

Con un bastone si è accanito contro il sistema elettronico di comando, poi ha fatto partire il servoscala e ha infilato nel meccanismo il bastone in modo da danneggiarlo del tutto.

Prima lo ha fatto con uno, poi con l'altro servoscala. Nessun danno evidente stando all’apparenza, perché nel mirino del vandalo, o dei vandali, sono state le scatolette che si trovano nel retro dell'attrezzatura, dove ci sonoo i sistemi elettronici che comandano salita e discesa del servoscala.

Un lavoro meticoloso finalizzato a rendere inutilizzabili i due attrezzi il cui scopo è consentire a chi ha difficoltà o impossibilità a camminare, di poter attraversare la strada transitando sotto il selciato. Il sottopasso si trova tra il piazzale del Duomo e il marciapiede su cui si affacciano due scuole elementari: la Marconi e il Bertolini. È stato il primo sottopasso costruito a Montebelluna per evitare di attraversare la 248 "Marosticana-Schiavonesca Priula" in una zona molto a rischio. Essendo poi di collegamento tra Duomo e scuole è un sottopasso utilizzato dai ragazzini che si recano a scuola, ma anche da chi si reca a messa e chi era abituato a servirsi del servoscala per passare al di là della Schiavonesca, perché afflitto da problemi di deambulazione, da una settimana non può più farlo perché sono fuori servizio. Non era la prima volta che i servoscala andavano in avaria, ma questa volta non c'entrano guasti meccanici, è stata l'azione voluta e meticolosa di qualche vandalo che li ha voluti rendere inutilizzabili. E lo saranno finchè non sarà ripristinato il sistema elettronico distrutto a colpi di bastone. Un gesto vandalico messo a segno di giorno, perché alla sera il sottopasso viene chiuso e viene riaperto al mattino. Un altro tassello del degrado di quel sottopasso utilizzato da ragazzini ed anziani, dove le pareti, che erano state abbellite con dei murales, sono state imbrattate da scritte di tutti i generi. È anche un sottopasso che non è vigilato da sistemi di videosorveglianza e quindi i vandali finora l'hanno sempre fatta franca, compresi quelli che una settimana fa hanno compiuto il raid che ha messo fuori uso i servoscala che ci sono alle due estremità del sottopasso che collega i due marciapiedi ai lati di via Montegrappa.

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi