Crociata di Troncon per 14 prof precari «Assumiamoli subito»

Il direttore del conservatorio Steffani si appella al ministro «Ci sono docenti che attendono il posto fisso da 20 anni»

CASTELFRANCO. Docenti precari rischiano di non essere confermati, appello al Ministero dell’Istruzione. Sono 14 docenti del Conservatorio Steffani. Prof precari, senza contratto fisso, ma che in ogni caso da 5, taluni anche 10 anni, insegnano all’istituto musicale. Rischiano di dover lasciare il posto. La legge nazionale, da un lato, prevede che dopo 3 anni di insegnamento precario la situazione venga stabilizzata, dall’altro lato ha bloccato le assunzioni dei docenti. Insomma una situazione paradossale che potrebbe portare alla conseguenza che i 14 insegnanti non possano continuare a insegnare allo Steffani. Per questo motivo mercoledì scorso il direttore Paolo Troncon ha scritto una lettera al Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, chiedendo quanto prima che vengano «urgentemente attuate le procedure di stabilizzazione del personale docente precario inserito nelle graduatorie nazionali dando al Conservatorio dove insegnano gli strumenti necessari per lo svolgimento delle procedure concorsuali». La lettera è frutto di una mozione votata all'unanimità dal Collegio dei professori dello Steffani. Su un corpo docente di 80 persone, sono 14 i posti ancora precari e altrettanti i docenti non ancora stabilizzati. «Da quando fu fatta la riforma, ovvero 16 anni fa, attendiamo le procedure per stabilizzare i docenti precari», spiega Troncon, «di anno in anno vengono assunti. Ci sono docenti che insegnano anche da 20 anni in maniera precaria e rischiano di non continuare a farlo. La normativa dice che dopo 3 anni devono essere stabilizzati, ma allo stesso tempo non è concesso fare assunzioni. Per cui i docenti rischiano il licenziamento. Perdere questi prof per l'istituto sarebbe un dramma».

Video del giorno

XFactor, soffre di crisi di panico e deve cantare seduta: Phoebe supera le paure e conquista tutti

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi