In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

"Hanno bruciato i soldi che risparmiavo per gli studi di mio figlio"

Veneto Banca, le storie di Mario e Sandro, due risparmiatori che con il crollo del valore delle azioni hanno perso tutto

2 minuti di lettura
Veneto Banca 

MONTEBELLUNA. Hanno risparmiato per sè o per la famiglia, ed ora con il crollo delle azioni di Veneto Banca hanno perso tutto. Le storie raccolte dalla Tribuna di Treviso raccontano il dramma di tanta brava gente e tanti piccoli risparmiatori che ora hanno perso tantissimo.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Veneto Banca, la disperazione degli azionisti]]

Mario ci ha scritto in e-mail: "Nel 2012 aprivo un conto presso Veneto Banca. Dopo aver passato una triste storia con un altro istituto, nel gennaio 2013 vengo convocato dal direttore di filiale che, in sintesi, mi spiega che ci sono delle obbligazioni a un tasso molto buono a patto di diventare socio della banca. Fino a qui tutto bene. Gli spiego che avendo subito un trapianto di cornea sono impossibilitato a leggere il contratto e lui, molto tranquillamente, mi spiega che sono azioni interne della banca e che assolutamente non ci sono rischi di nessun genere. Mi fa firmare alcuni fogli e non mi rilascia nessuna copia, spiegandomi che questa operazione è interna alla banca. Dopo oltre un anno vengo chiamato dal diretore perché, mi dice, si era dimenticato di farmi firmare alcune carte per quanto riguardava la mia adesione a socio (nel frattempo la mia situazione visiva stava migliorando, ma purtroppo non era ancora sufficiente per riuscire a leggere). Parlando sempre con il direttore spiego che di lì a poco mi sarebbe servita liquidita e lui mi aveva rassicurato di avvisarlo almeno 10 giorni prima per potermi dare la somma di cui necessitavo. A settembre 2014 chiedo di vendere le azioni e lui, molto gentilmente, mi dice di no perchè stanno facendo i conti nella sede centrale. Chiedo allora di vendere le obbligazioni e, tranquillamente, mi dice che non ho obbligazioni ma solo azioni perchè nel frattempo sono state convertite dalla banca in azioni. Preciso inoltre che sono monoculare con tutta la documentazione ospedaliera necessaria per dimostrare quanto sto scrivendo non ho la possibilita di affrontare spese per una causa mi sono rivolto anche movimento consumatori ma ancora non so niente".

Raccontaci la tua storia. ECCO COME

Sandro (e-mail): "Dopo una vita di lavoro e sacrifici, la mia famiglia grazie a Veneto Banca si trova senza speranza. I soldi risparmiati in circa trent'anni di lavoro per garantire a mio figlio gli studi vengono bruciati, con inganno, come la sua speranza per un futuro. Come si può parlare di democrazia, se non si rispettano neanche gli articoli della Costituzione a tutela del risparmiatore? Come si può parlare di ripresa economica se alla povera gente come me vengono rubati i propri soldi? Chi ha sbagliato deve pagare e non i deboli, le leggi devono essere fatte per questo e non per gli interessi dei speculatori. Grazie anche al consulente bancario che ci aveva consigliato in questo tipo di investimento che inganandoci ci aveva assicurato un capitale garantito nel tempo e senza rischi . E una vergona, poi non capite perchè la povera gente a volte ricorre a gesti folli, salvate i nosti risparmi e non la banca"

 

I commenti dei lettori