La folle gara e lo schianto mortale, trovato il secondo pilota

I resti dell'auto dopo lo schianto

La Polstrada lo ha identificato grazie ai testimoni dello schianto di domenica a Castello di Godego dove ha perso la vita Timis Mircea

CASTELLO DI GODEGO. Mentre l'auto dell'amico andava in pezzi, disintegrandosi dopo averlo superato ad altissima velocità, lui ha accelerato ed è fuggito via per non lasciare tracce. Incurante che Mircea Timis, 24 anni, fosse morto sul colpo. Un dramma nel dramma di una folle gara di auto di cui ora Daniel Mihali (questo il nome del giovane fermato, di origini straniere) dovrà dare spiegazione. 

Il giovane è stato identificato dagli investigatori della polizia stradale di Treviso grazie ad alcuni testimoni, gli stessi che doenica a mezzogiorno, davanti ai rottami della Bmw guidata da 24enne, hanno raccontato di aver visto la sua macchina fcorrere a folle velocità..

Agli agenti lo straniero avrebbe riferito di "sono stato superato dalla Bmw di Mircea mentre viaggiavo a 50 km/h circa" ma il racconto non convince per nulla gli investigatori. Il giovane, 26 anni, rischia grosso: contro di lui l'accusa di omissione di soccorso, danneggiamento e omicidio colposo.

L'auto guidata dalla vittima, nella carambola mortale, è stata letteralmente disintegrata con detriti sparsi nell'arco di decine di metri. L'impatto tremendo ha catapultato all'esterno dell'abitacolo il corpo del 24enne che non indossava le cinture di sicurezza.

La vittima Timis Mircea

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi