Una ciotola d'acqua per il cane al bar? La paghi, 30 centesimi

Lo scontrino

Il caso tra i tavolini del bar Signore e Signori di Treviso, in piazza dei Signori. Si scatena la polemica. Che ne pensi?

TREVISO. "Scusi, potrebbe portarmi un aciotola d'acqua per il cane?" Quante volte proprietari di cani o avventori di locali hanno sentito pronunciare questa frase? La risposta, come sempre avviene, è statacortese, e al tavolino del bar Signore e Signori di Treviso la ciotolina è arrivata permettendo così anche la cane di una coppia di trevigiani di trovare un po' di refrigerio nella torrida domenica pomeriggio di Marca.

Fin qui tutto normale. Quel che ha fatto balzare sulla sedia la coppia, che al tavolo aveva bevuto spritz e acqua e menta, è stata il conto. Il loro? Macchè, quello del cane. Già, perchè anche quella ciotola d'acqua per l'amico a quattro zampe era rientrata nello scontrino alla voce "acqua cane" (anche segno che in cassa l'importo è regolarmente registrato). Costo? Non un'infinità, ci mancherebbe. Ma su quei 30 centesimi si sta scatenando un putiferio.

I titolari non hanno problemi a giustificare il costo: "servizio e citolina".

Zuppetta di sedano rapa, mela verde, quinoa, mandorle e cavolo nero

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi