Spaccia a scuola a 14 anni, denunciato

Nei guai anche i suoi fornitori di marijuana e hashish di 16 e 19 anni. L’appello dei carabinieri: «Genitori vigilate sui figli»

CASTELFRANCO. Ad appena 14 anni era uno dei punti di riferimento dello spaccio di marijuana e hashish tra i coetanei, tutti studenti delle scuole superiori. Ad individuarlo i carabinieri di Vedelago che hanno ricostruito una vera e propria "filiera" dello spaccio partendo dal ritrovamento di una dose nello zainetto di un ragazzo che stava andando a scuola, un istituto suiperiore della città, negli ultimi giorni di lezione. Lo aveva acquistato dal 14enne, residente a Vedelago, che a sua volta si riforniva da un 16 enne di Castelfranco, con precedenti specifici. Il fornitore di quest'ultimo era un nullafacente marocchino di 19 anni, anche lui con alle spalle vicende di spaccio. Tutti e tre sono stati denunciati per detenzione e spaccio di stupefacenti (i primi due al Tribunale dei Minori di Venezia) con l'aggravante della cessione di droga a minori. Sei invece gli studenti segnalati come consumatori all'autorità prefettizia: tutti studenti del primo anno iscritti a due istituti superiori di Castelfranco. A conferma del fatto che era stato avviato un commercio alquanto redditizio di marijuana e hashish all’interno di due scuole superiori cittadine, il ritrovamento nella casa di uno dei tre denunciati del necessario per confezionare le dosi, come un bilancino di precisione, un water pipe artigianale e altri attrezzi per il consumo. Ma più che di commercio si dovrebbe parlare di compravendita: pare infatti che i proventi dello spaccio servissero ai due più giovani per rifornirsi a loro volta di stupefacenti per uso personale A sorprendere i carabinieri, la giovane età delle persone coinvolte, tutte dai 14 ai 16 anni. Lo spaccio avveniva all'interno delle scuole oppure nei mezzi di trasporto. Proprio in questo contesto è emerso il caso che poi, a ritroso, ha fatto scoprire il baby-spacciatore e chi lo riforniva. Appare evidente che ormai si è considerevolmente abbassata l'età media di chi consuma marijuana e hashish, già appunto a 14i anni: «Di fronte a fatti come questo non possiamo che ribadire il fondamentale ruolo della famiglia nel vigilare sui loro ragazzi - dichiara il comandante della compagnia di Castelfranco Salvatore Gibilisco - anche segnalando eventuali comportamenti sospetti. Per quanto riguarda gli ambienti scolastici è già in atto una collaborazione tra istituzioni per contrastare il fenomeno».

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi