In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
Estate 2022

Volo cancellato? Le 7 app più utili per chiedere il rimborso

Volo cancellato? Le 7 app più utili per chiedere il rimborso
Le compagnie aeree stanno cancellando voli in quantità. Ci sono diversi modi per chiedere il rimborso e, tra questi, ci sono anche delle app che ci semplificano il compito: ne abbiamo selezionate sette
3 minuti di lettura

L’estate delle partenze dopo due anni di mobilità ridotta causa pandemia ha trovato impreparati molti vettori aerei i quali, proprio in virtù dei mesi di magra, si sono riorganizzati tagliando il personale, anticipando i pensionamenti e bloccando le assunzioni. Il costo dei carburanti ha fatto il resto e ora l’intero comparto non è pronto a soddisfare la domanda.

Questi motivi spingono le compagnie aeree a cancellare voli in tutta Europa e, inoltre, poiché i tagli hanno interessato anche il personale di terra, ci sono passeggeri che non riescono a imbarcarsi in tempo a causa delle lunghe code e alle attese per espletare le operazioni di rito.

In Italia la situazione è migliore rispetto ad altri Paesi europei, anche grazie agli 800 milioni di euro stanziati per supportare il comparto dell’aviazione messo alle strette dalla pandemia.

L’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) è sceso in campo per monitorare la situazione e tutelare i viaggiatori sottolineando che, tra i primi dieci aeroporti critici, non ne figura neppure uno italiano. I risarcimenti erogati nelle ultime settimane ammontano a 450 milioni di euro, ciò significa che le compagnie aeree che operano sul territorio non sono del tutto avulse a cancellazioni.

C’è anche da sottolineare che se una compagnia aerea cancellasse un volo causa Covid, il viaggiatore avrebbe diritto a una compensazione economica che va dai 250 ai 600 euro, come fa notare l’associazione per la tutela dei consumatori, Altroconsumo.

Ci sono diverse app che si fanno carico di avviare le procedure di rimborso, le citiamo in ordine di costo crescente per le tasche del consumatore.

Rimborsovoli.it
Applicazione italiana gestita da un gruppo di avvocati che assiste i viaggiatori confrontati con diverse difficoltà, dai voli cancellati all’assistenza a terra e dall’overbooking allo smarrimento dei bagagli. Non preleva commissioni dai viaggiatori, si finanzia con il rimborso delle spese legali che devono essere versate dalla compagnia aerea qualora il contenzioso si concludesse con successo.

Sosvolo.com
Anche in questo caso non ci sono costi per il viaggiatore che richiede un rimborso. Tra i servizi che eroga, oltre a quelli relativi agli indennizzi per i voli cancellati o in ritardo, figurano anche le azioni legali per i danni ai bagagli. Gestito da un gruppo di avvocati italiani ha un funzionamento semplice: l’utente compila un formulario online, SosVolo verifica se ci sono gli estremi per ottenere un risarcimento e si adopera affinché le compagnie aeree versino il dovuto al richiedente.

Salvaviaggio.com
Si occupa di ottenere risarcimenti da compagnie aeree e copre anche le aree delle prenotazioni alberghiere, delle crociere e degli infortuni in viaggio. Salvaviaggio non ha costi per il cliente finale e mette a disposizione un servizio per porre domande a esperti del settore. Ha base a Roma e conta su un gruppo di avvocati con esperienza nell’ambito dei risarcimenti.

Flycare.eu
Sito web mediante il quale valutare la possibilità che il viaggiatore possa ottenere un rimborso. Nessun costo a carico del cliente che riceverà, se il contenzioso dovesse chiudersi a svantaggio della compagnia aerea, il risarcimento completo sul proprio conto corrente e nella valuta che desidera.

Airhelp.com
Una realtà internazionale con un gruppo di oltre 350 persone che si adoperano per il viaggiatore in cambio del 25% del rimborso ottenuto. Oltre ai risarcimenti per voli cancellati o in ritardo, AirHelp offre servizi anche per il negato imbarco e per i disguidi causati dagli scioperi aerei. Opera in 35 Paesi e vanta 16 milioni di passeggeri supportati dal 2013 a oggi, in parte assistiti da quattro diversi bot che esaminano ogni singolo caso per determinare se ci sono i presupposti utili alla richiesta di un risarcimento. Mette a disposizione anche il servizio Plus con un costo che varia dai 19,99 ai 49,99 euro l’anno per viaggiatore e mediante il quale viene erogato un numero maggiore di servizi, incluse visite e certificati medici utili all’ottenimento dei rimborsi.

Risarcimentovolo.it
Piattaforma che oltre ai servizi di supporto canonici, agisce anche contro gli operatori turistici e si spende per rivendicare il danno da vacanza rovinata, in caso di vittoria trattiene per sé il 25% dell’importo rimborsato se non occorre adire un tribunale, altrimenti i costi per il cliente raggiungono il 45%. Se Risarcimentovolo non ottiene il rimborso il viaggiatore non deve pagare il servizio.

Volo-in-ritardo.it
Sito costola del gruppo Yource ha sede a Pescara e ha un costo per il viaggiatore soltanto se il caso viene chiuso con successo. Trattiene il 29% del risarcimento ma se occorre adire le vie legali la commissione arriva al 44%. Mette a disposizione anche una pagina per stimare l’entità del risarcimento.

 

Il regolamento europeo

I diritti dei passeggeri sono disciplinati dal regolamento Ue 261/2004 che ha subito degli aggiustamenti nel 2020, pensati in parte per dettare le linee guida relative ai risarcimenti nel contesto della pandemia da Covid-19.

Un insieme di norme e regole di difficile interpretazione per chi non è avvezzo al diritto, anche di natura internazionale. Il ricorso a un legale si potrebbe rendere necessario se la compagnia aerea dovesse rendere complessa o ostacolare la procedura di risarcimento.