Il caso

OnlyFans dice addio ai contenuti pornografici da ottobre. O forse no

La piattaforma ha annunciato importanti cambiamenti, ma al momento le linee guida non sono chiare
1 minuti di lettura

A luglio erano arrivate le prime avvisaglie, ma adesso è ufficiale: dal primo ottobre OnlyFans proibirà la condivisione di qualsiasi contenuto sessualmente esplicito.

“Per assicurare una sostenibilità a lungo termine della piattaforma e continuare a ospitare una comunità inclusiva di fan e creator dobbiamo far evolvere le linee guida dei nostri contenuti”, ha dichiarato la compagnia in una nota ufficiale. Dietro queste parole si nasconde la pressione degli investitori per una trasformazione della piattaforma che eviti ogni rischio legato ai cosiddetti contenuti espliciti, come la pubblicazione di foto o video di minorenni

Un altro tema che spesso porta a bandire la pornografia è il rischio che le banche non processino i pagamenti di siti ritenuti problematici, situazione che si è già presentata dopo la scoperta di molti video su Pornhub che mostravano stupri o episodi di revenge porn.

Porno no (forse), ma nudo sì
Tuttavia, non è detto che questo momento rappresenti il crollo totale dei contenuti espliciti della piattaforma e, di conseguenza, la sua probabile fine, visto che sarà ancora possibile condividere con i propri iscritti contenuti che prevedono nudità, purché rientrino nel nuovo regolamento. La situazione quindi al momento è molto meno chiara di un semplice ban di tutti i contenuti pornografici.

Attualmente, queste regole consentono ogni tipo di nudità, a patto che non sia in pubblico e in tutti quei luoghi dove la nudità è proibita, ma è molto probabile che cambino ancora nei prossimi giorni; tuttavia resta una dichiarazione molto fumosa, perché slegare la nudità dall’intento pornografico non è un compito semplice.

La novità: lo streaming, ma con i vestiti addosso
Nel frattempo, per allontanare ancora di più il nome di OnlyFans dalla pornografia, è stato anche fatto debuttare OfTv, un servizio di streaming gratuito, senza alcun tipo di materiale esplicito, pieno di contenuti legati a fitness, cucina, musica, salute e così via. La notizia non è stata accolta in maniera positiva da chi per anni ha utilizzato OnlyFans per ottenere soldi con foto e video sexy: per anni la piattaforma è stata portata a esempio nel mondo della pornografia per avere permesso alle persone di guadagnare senza doversi confrontare con gli aspetti peggiori di questo mondo, soprattutto per quanto riguarda donne e varie minoranze spesso marginalizzate, evitando lo sfruttamento della propria immagine o peggio.

Ora molte di queste persone si sentono tradite da un luogo che hanno contribuito a fare crescere e che oggi sembra pronto a metterle alla porta, come quegli inquilini puntuali nei pagamenti, ma poco rispettabili e mal visti dai nuovi vicini. Che magari poi in segreto guardano le loro foto.