In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Treviso Basket, c’è l’accordo con l’ala francese Hugo Invernizzi

Nuovo innesto per la Nutribullet: arriva dai lituani dell’Alytus Wolves, coprirà lo spot lasciato libero da Sokolowski

Silvano Focarelli
1 minuto di lettura

Il francese Hugo Invernizzi quando vestiva i colori del Limoges

 

Il secondo nuovo acquisto stagionale di Treviso Basket si chiama Hugo Invernizzi, francese di nascita di chiare quanto lontane origini italiane. Arriva dai lituani dell'Alytus Wolves, dove stava viaggiando a 6.1 punti (4.5 in Europe Cup), 2.8 rimbalzi e 1.6 assist in 16 gare (11-5), col 47% dal campo e soprattutto con un interessante 40.4% da tre. Il tutto in 22 minuti di utilizzo anche se nelle ultime uscite la sua permanenza in campo era drasticamente diminuita a causa dell'arrivo dell'americano Jeff Taylor.

L'ultima sua apparizione nel torneo lituano è stata il 15 gennaio scorso nel successo sul campo della Juventus Utena dove ha messo a referto 3 punti e 2 rimbalzi. Invernizzi, nativo di Mulhouse, il 7 gennaio ha compiuto 30 anni, è alto 1.98 per 95 kg. Ha iniziato la carriera a Strasburgo e lì è stato per due anni, altrettanti li ha vissuti a Le Havre prima della parentesi più lunga, quattro stagioni, a Nanterre, dove ha fatto in tempo a vincere una Coppa di Francia ed una Fiba Europe Cup. Dopodichè tre anni a Limoges prima di andare in riva al Baltico. Nel suo palmares anche l'argento agli Europei under 20.

In attesa di conoscerlo sul campo, dal pedigree si evince che stiamo parlando di un giocatore esperto, di un certo talento, non una stella ma uno capace comunque di garantire un certo contributo. Quel che si dice un buon mestierante, che va a coprire uno spot dove ultimamente il buon Sokolowski, per motivi vari, non era più in grado di assicurare un apporto decente.

In sostanza la Nutribullet riveduta e corretta di gennaio è bell'e fatta: Derek Cooke da parte sua potrebbe tornare in Israele, lega dove è particolarmente apprezzato.

Invernizzi – che ha già firmato – è atteso a ore nella Marca, come Octavius Ellis, partito dagli Usa. Entrambi hanno più che buone possibilità di debuttare domenica contro Tortona:  dopo le visite mediche, avranno modo di svolgere al massimo due-tre allenamenti a Sant'Antonino e, sabato, al Palaverde prima di andare in campo, sufficienti però a prendere i primi contatti con la loro nuova squadra e capire ciò che Marcelo Nicola pretenderà da ciascuno. 

I commenti dei lettori