Furlan e Barattin trascinano l’Italia verso il Mondiale Scozia demolita

treviSO

L’Italdonne inaugura nel migliore dei modi, conquistando vittoria e punto bonus, il proprio cammino nel Rugby World Cup Qualifier europeo: al «Lanfranchi» di Parma, sede del quadrangolare che assegnerà alla vincente un posto per i Mondiali dell’anno prossimo in Nuova Zelanda, a Manuela Furlan e compagne basta un tempo per regolare la Scozia. Finisce 38-13, ma già all’intervallo le azzurre di Di Giandomenico mettono la loro ipoteca sul match con quattro mete e un dominio territoriale e di gioco che si concretizza sin dalle primissime battute: subito in attacco, l’Italia segna prima dello scoccare del secondo minuto con un pick-and-go di Giada Franco dopo essersi portata subito a ridosso della linea di meta britannica. La Scozia prova a reagire con un piazzato dell’apertura Nelson, l’Italdonne produce un gran volume di gioco ma fatica nella fase centrale della prima frazione di gioco a concretizzare, poi tra il 22’ e il 25’ assesta l’uno-due che spezza l’equilibrio del match: prima Magatti servita al largo accelera lungo l’out, evita un placcaggio e schiaccia alla bandiera, poi Gai buca in mezzo al campo sui 10 metri avversari, si invola verso i pali e prima di essere fermata serve Sara Barattin che allunga sul 19-3. Le ospiti tentano ancora di accorciare al piede, 19-6, ma prima del fischio finale una percussione di Arrighetti dai ventidue non trova opposizione e lancia la vincitrice del Trofeo «Braglia» 2021 in meta per la marcatura del bonus: si va a riposo sul 26-6. L’inizio della ripresa vede le scozzesi vincere la battaglia del territorio e del possesso, senza però smuovere il tabellone: lo fa invece l’Italia al quarto d’ora con una splendida combinazione Magatti-Sillari che porta il centro in mezzo ai pali e subito dopo con capitan Furlan, che schiaccia in area di meta un calcetto di Madia dietro la linea di difesa delle highlanders. Sopra per 38-6 e con la gara virtualmente conclusa l’Italia si concede una piccola distrazione al 20’ - giallo a Sgorbini, appena entrata, per fallo professionale - che costa l’inferiorità numerica e una meta scozzese: manca poco al 70’, è 38-13 ed il risultato non cambia più, con Di Giandomenico che fa debuttare in azzurro le prime linee Vecchini e Seye. Domenica la seconda giornata al «Lanfranchi» vedrà le Azzurre affrontare l’Irlanda, impegnata nel turno inaugurale contro la Spagna. —




2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi