Contenuto riservato agli abbonati

Volley, L'Imoco verso la finale di Champions League: cinque positive al Covid al Vakifbank

Dubbi sulla Super Final del primo maggio a Verona: difficile il rinvio, la squadra di Istanbul rischia di arrivare con un roster rimaneggiato

CONEGLIANO. La marcia di avvicinamento della scudettata Imoco Conegliano alla Super Final di Champions League del primo maggio è già cominciata. Ma ieri le notizie arrivate dalla Turchia hanno squarciato l’attesa della gialloblù. Il Vakifbank ha registrato dieci positività al Covid 19, cinque tra le giocatrici e cinque nello staff.

Non sono stati resi noti i nomi, ma qualche indizio arriva dal profilo Facebook della squadra turca. Martedì si sono allenate Bartsch, Gabi, Haak, Gunes, Ismailoglu, mentre non sembra ci fosse la palleggiatrice serba Ognjenovic. Due membri dello staff erano risultati positivi dopo gara 2 della finale scudetto con il Fenerbahce, nella serie poi vinta a tavolino dal Vakif.

L’isolamento di due giocatrici e anche di coach Guidetti evidentemente non sono bastati ad arginare la pandemia. E ora la finale di Champions è a rischio.

Il rinvio è improbabile - c'è anche la finale maschile -  per esigenze di calendario e organizzative; i tempi per la negativizzazione però sono strettissimi. Quindi le turche potrebbero rinunciare o presentarsi a Verona con una roster rimaneggiatissimo.

Video del giorno

Lo spot della birra argentina per la Copa America che celebra Maradona è semplicemente geniale

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi