Motta riscrive la storia da Torino Barbon: «Dobbiamo partire bene»