Vazzoler, “prima” da rabbrividire «Il nostro sarà un percorso lungo»