Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nuoto gran fondo, Pozzobon vince anche la Napoli-Capri

La Caimana del Piave fa ancora il vuoto nell'ultima gara stagionale del circuito che le ha già consentito di alzare la Coppa del Mondo

MASERADA. Il ritratto della tranquillità lontano dalle competizioni, ma capace fra le onde di tirare fuori la “cazzimma”, non concedendo manco le briciole. Barbara Pozzobon si regala l'edizione numero 53 della Capri-Napoli, suggellando un favoloso finale di stagione: dopo il trionfo-bis nella Coppa del Mondo di gran fondo, ecco il terzo acuto consecutivo su distanze extralarge che segue le soddisfazioni in Canada e Macedonia.

Un successo che significa pure grande slam: conteggiando la Santa F ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MASERADA. Il ritratto della tranquillità lontano dalle competizioni, ma capace fra le onde di tirare fuori la “cazzimma”, non concedendo manco le briciole. Barbara Pozzobon si regala l'edizione numero 53 della Capri-Napoli, suggellando un favoloso finale di stagione: dopo il trionfo-bis nella Coppa del Mondo di gran fondo, ecco il terzo acuto consecutivo su distanze extralarge che segue le soddisfazioni in Canada e Macedonia.

Un successo che significa pure grande slam: conteggiando la Santa Fé-Coronda del 2017, la 24enne fondista di Maserada può dire di aver domato le quattro più celebri ultramarathon.

L'ennesima impresa matura in solitudine, con Barbara che si sbarazza pure stavolta dell'ex bronzo iridato Alice Franco, rimasta appiccicata come una ventosa per quasi tutti i 36 km della Maratona del Golfo. Legittimato il ruolo di grande favorita in 7h19'05” (a 30” l'esperta astigiana, a bersaglio nell'edizione 2015). E la caimana della Hydros Natatorium, con il quinto sigillo in carriera in una granfondo internazionale, ne nobilita l'albo d'oro.