Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Arcade: vittoria a Zilio, maglia rossa ad Abenante

Il bassanese esulta al Gran Premio davanti a Pessot e Casarotto. Lo zalfino si classifica sesto e fa suo il titolo veneto

ARCADE

È Giacomo Zilio il trionfatore al 34° Gran premio ciclistico Arcade.

La corsa per élite e under 23, abbinata al 15° Trofeo Pavan Spa, ha arriso al vicentino della Work Service Videa Coppi Gazzera che ha preceduto nell’ordine il cordignanese Alessandro Pessot del Cycling team Friuli e il marenese Stefano Gandin, anche lui della Work Service.

La corsa ha offerto inizialmente sei giri di un circuito locale ricavato fra le strade di Arcade e di Nervesa della Battaglia, quindi altre cinque ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

ARCADE

È Giacomo Zilio il trionfatore al 34° Gran premio ciclistico Arcade.

La corsa per élite e under 23, abbinata al 15° Trofeo Pavan Spa, ha arriso al vicentino della Work Service Videa Coppi Gazzera che ha preceduto nell’ordine il cordignanese Alessandro Pessot del Cycling team Friuli e il marenese Stefano Gandin, anche lui della Work Service.

La corsa ha offerto inizialmente sei giri di un circuito locale ricavato fra le strade di Arcade e di Nervesa della Battaglia, quindi altre cinque tornate per Arcade e Giavera del Montello con altrettanti gran premi della montagna sulla presa V.

Dopo un tratto in linea, infine, il gruppo si è reimmesso nel circuito iniziale da compiere per altre due volte. La prima fuga si è originata in piana e si è esaurita sulle rampe del Montello. Dopo il quarto Gpm, tuttavia, si è originata l’azione decisiva, inizialmente a otto, dopo una decina allargatisi a 11.

I protagonisti del tentativo sono Giovanni Aleotti, Alberto Giuriato e Alessandro Pessot del Cycling team Friuli, Stefano Gandin e Giacomo Zilio della Work Service, Marco Borgo e Davide Casarotto della General Store Bottoli, Pasquale Abenante, Nicola Breda e Gianluca Milani della Zalf Euromobil Desiree Fior e Francesco Zandri della Gallina Colosio Eurofeed.

Dalla testa della corsa sono rimasti esclusi i temuti uomini della Colpack, che hanno perso l’attimo buono per l’attacco né sono più riusciti a rientrare davanti. Infatti i fuggitivi hanno proceduto in buona armonia fino al penultimo giro quando in testa si sono verificate le prime scaramucce.

Al suono della campana, tuttavia, gli undici si sono presentati compatti e così hanno proceduto fino in dirittura d’arrivo.

Zilio ha lanciato la volata, imponendosi di misura grazie al colpo di reni sul rimontante Pessot. L’élite del Cycling team Friuli, secondo anche la domenica precedente nel Gran premio Kranj in Slovenia, ha così dovuto rinviare nuovamente l’appuntamento con il suo primo successo stagionale.

Per Zilio, primo anno élite di Cassola a due passi da BAssano del Grappa, si tratta del terzo successo stagionale. In precedenza si era già affermato il 10 giugno a Longarone, in provincia di Belluno, nel 74° Giro del Piave, e il 22 luglio a Ponton di Sant’Ambrogio, nel Veronese, nel 28° Memorial Guido Zamperoli.

Il Gran premio ciclistico di Arcade ha assegnato anche il titolo di campione provinciale su strada Under 23: la maglia è andata allo zalfino Pasquale Abenante, sesto classificato, ventenne campano di Scafati.

Ordine d’arrivo: 1) Giacomo Zilio (Work Service) che ha percorso 162,8 chilometri in 3h47’30” alla media di 42,936km/h.

2) Alessandro Pessot (Cycling team Friuli); 3) Stefano Gandin (Work Service); 4) Davide Casarotto (General Store Bottoli); 5) Francesco Zandri (Gallina Colosio Eurofeed); 6) Pasquale Abenante (Zalf Euromobil Desiree Fior); 7) Marco Borgo (General Store Bottoli); 8) Nicola Breda (Zalf Euromobil Desiree Fior): 9) Alberto Giuriato (Cycling team Friuli); 10) Gianluca Milani (Zalf Euromobil Desiree Fior). —