Rugby, Benetton sul mercato. Ecco Whetu Douglas, un maori per il pack

A Treviso si parla anche di un possibile ritorno di Makelara. Intanto la rivoluzione di O’Shea toccherà gli staff del Pro 12

TREVISO. Whetu Douglas. È il terza centro neozelandese emergente, da poco ai Crusaders, uno dei nuovi stranieri del Benetton per la prossim a stagione.

Il terza linea ha 26 anni, e nel 2016 si è messo in mostra con il Waikato prima di essere chiamato in tour a fine anno in Europa nelle file dei Maori All Blacks. E tanto bene ha fatto, che è sbarcato dritto dritto nei Crusaders, la squadra di Richie Mc Caw : ha segnato 2 mete nelle prime tre apparizioni in Super Rugby. E con lui si dice possano arrivare anche per la mischia, un’altra terza linea (un 7) e una seconda, tutti dall’emisfero Sud. È un primo segnale che qulcosa si è sbloccato, anche nella campagna acquisti. E c’è un altro possibile innesto, per la mischia biancoverde. O meglio, un ritorno: Engjel Makelara, tallonatore nato in Macedonia, cresciuto nel Bassano, poi in Ghirada prima del passaggio in Accademia a Mogliano e l’approdo in Eccellenza con il Marchiol, infine trasferitosi al Petrarca.

E potrebbe restare anche Braam Steyn, che pure si diceva corteggiato da club esteri. Il flanker sarebbe in trattative con la dirigenza biancoverde – posizioni non molto distanti, pare – per restare a TrevisoIntanto la squadra si rituffa nel Pro 12: sabato a Monigo arrivano gli Ospreys (ore 20.35), e i leoni devono assolutamente muovere la classifica.

O’Shea. Prime voci sulla rivolzione annunciata da O’ Shea alla fine di Scozia-Italia. Potrebbero esserci riverberi sulla strutture tecnica federale, così come sugli staff tecnici di Zebre e Benetton.

Qui Zebre. I rumors fioccano sulla franchigia Fir, a Parma per un altro anno, prima di imboccare, per il ciclo 2018-20, la via di una metropoli (Roma? C’è pure un’ipotesi Milano, sponda Asr). Per la panchina si parla di Michael Bradley, irlandese, compagno di nazionale di O’Shea, oggi a Bucarest: con lui forse il duo dell’under 20 azzurra Orlandi-Troncon (in questo caso per Tronky sarebbe un ritorno), con Fabio Roselli e Andrea Moretti destinati all’Italjuniores. Arriveranno 4 giocatori da Calvisano – il mediano di mischia aquilano Riccardo Raffaele; l’estremo patavino MatteoMinozzi; il trequarti ala Daniele Di Giulio; il terza centro Renato Gianmarioli – e ancora l’apertura Maicol Azzolini dalle Fiamme Oro.

Valzer allenatori. Si profila anche un grandissimo giro di valzer di panchine, quest’estate, da Calvisano a Roma. Uno dei cambi annunciati è quello alle Fiamme Oro: in pole per sostituire Umberto Casellato (tonerà in Veneto come supercoordinatore tecnico) Gianluca Guidi, ma qualcuno sussurra anche il nome dell’All Black Craig Green, ora alla Tarvisium in serie A. A Calvisano tutti parlano di Paul Griffen, mentre Massimo Brunello che potrebbe entrare nello staff della nazionale maggiore. 

Video del giorno

Napoli, il maestro Riccardo Muti cade durante il festeggiamento dei suoi 80 anni

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi