Treviso, stavolta è l’ultima chiamata Dondi aspetta un sì

«Nardin ha tempo fino a oggi per lasciarmi tutto» L’assessore Michielan: «Situazione umiliante per la città»

Ancora qualche spicciolo di speranza per la sopravvivenza dell’Acd Treviso: se entro le 12 di oggi la quindicina di giocatori allenati da mister Doardo in procinto di diventare biancocelesti non saranno tesserati, la squadra non giocherà domani a Portobuffolè, perderà 0-3, avrà un punto in meno in classifica e, di fatto, cesserà di esistere. Tutto dipende, com’è noto, da Tiziano Nardin, che deve chiarire una volta per tutte con Claudio Dondi la faccenda dei fornitori da saldare. Il problema è che fra i due c’è un livello molto scarso di comunicazione: il secondo dice di aspettare il primo, ma i rispettivi ritmi sono molto diversi. Dondi aspetta impaziente Nardin, che però a quanto pare se la sta prendendo comoda. «Io sono sempre qua in attesa», dice Dondi sempre più spazientito, «La squadra si sta allenando, già prenotati pullman e ristorante per Portobuffolè, sabato gli Juniores giocheranno al Tenni per concessione del Comune, dunque resto ancora moderatamente fiducioso che la storia si concluda in modo positivo. Io fino a sabato mattina non mollo, poco ma sicuro. Nardin poco fa mi diceva di essere in banca, ok, gli presenterò le malleve, per quelle che mancano gli darò degli assegni in garanzia, l’importante è tesserare i giocatori: a farlo on line ci si mette una decina di minuti. Se questo non succede è chiaro che finisce tutto».

Avete previsto anche di andare al Comitato regionale? «Il presidente Ruzza s’è messo a disposizione e dice: quando ha di fronte Nardin mi chiami, basta che lui mi spedisca due righe di mail. Io sto facendo quello che mi dice Nardin, il guaio è che io le cose le decido in 5 minuti, come ho fatto con Michielan per lo stadio. Però ho anche tanta pazienza e non mi sogno nemmeno di gettare la spugna: se Nardin mi chiede di andare da lui a mezzanotte io ci vado, no problem, massima disponibilità. Nardin non può dire che Dondi non ha mantenuto gli impegni. Ma se non dovesse finire bene andrò avanti con la Procura e partiranno le azioni legali. Signori miei, per il Calcio Treviso, società in cui credo, io sto trascurando famiglia e lavoro: ora basta davvero».

Di ieri anche la durissima presa di posizione di Ofelio Michielan, che pure ha messo a disposizione il Tenni per la formazione Primavera, visto che al campo di Carbonera hanno di nuovo tagliato l’erogazione del gas. «Io ho dato una mano a tutti, il Comune non ha mai mancato di assicurare il proprio contributo alla causa del Treviso, ho anche dato lo stadio ai ragazzini. Bene: però ora mi sono davvero stufato, sono furibondo, non voglio più vedere gente che si palleggia le responsabilità. Se questi due non riescono a capirsi e la faccenda non si risolve una volta per tutte, chiudo baracca e burattini. Questa è una querelle umiliante per la città, Treviso non la merita e non lo permetterò più».

Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi