Malayka, lo stage con Staneva carica le vittoriesi

La scuola di ginnastica ritmica che esiste da 7 anni si è avvalsa ancora una volta della maestra bulgara

VITTORIO VENETO. La società si chiama Malayka, che in swahili significa “angelo”.

Il nome ricorda all’istruttrice e fondatrice Maela Salamon, oltre a una bellissima canzone tradizionale africana, anche i racconti del nonno che trascorse una parte importante della sua vita in Africa.

Un nome dolce e legato all'infanzia per dare corpo a un sogno, una scuola di ginnastica ritmica che a Vittorio Veneto esiste ormai da sette anni e vanta oggi 86 iscritti. Una scuola che nell'ultima settimana ha potuto contare sul supporto dell'ex campionessa bulgara Petia Staneva, che ha provato l'ebbrezza di partecipare alle Olimpiadi e nel '96 vinse il titolo europeo.

Oggi ha 32 anni, insegna a Rieti ed è spesso impegnata con stage nel periodo estivo. Le ragazze della Malayka - sette sul podio, fra Juniores e Giovanissime, nella fase nazionale Libertas a San Benedetto del Tronto - avevano già beneficiato dei consigli dell'ex stella bulgara nelle due estati precedenti a Fano. Stavolta lo stage si è svolto in casa e ha interessato 14 atlete dai 9 ai 16 anni.

«È un investimento importante sulla crescita delle ragazze», afferma l'istruttrice ed ex ginnasta Salamon, laureata in Scienze Motorie, «Hanno lavorato in questi giorni su potenziamento e maneggio, utilizzando un attrezzo diverso ogni giorno. Non sono mancate le coreografie di gara con musica». Com'è nata l'amicizia con Staneva? «Tutto partì dal collegiale promosso due anni fa a Fano da un mio ex docente all'Università di Urbino. Le ragazze rimasero estasiate. Ci tornammo l'anno scorso, poi le abbiamo proposto di venire qui. Ha accettato subito. Splendida». (m.t.)

Video del giorno

Le Frecce Tricolori sopra le Cinque Torri: che spettacolo!

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi