Mogliano campione d’Italia Under 18

Il mediano di mischia moglianese che apre

A Viadana i ragazzi di Eigner e Boscain a 10'i dalla fine del match “strappano” il titolo ai romani della Capitolina

VIADANA. È il Mogliano ad aggiudicarsi il titolo di campione d’Italia di rugby under 18 con una vittoria tutta cuore e grinta sulla romana Capitolina, che fino a metà del secondo tempo aveva controllato senza problemi la partita. I ragazzi guidati da Eigner e Boscaini sono stati autori di una prestazione molto intelligente che ha permesso di gestire le forze in campo per tutti gli ottanta minuti, soffrendo sicuramente più del dovuto nel primo tempo, per poi dilagare nella ripresa dominando il gioco e passando in vantaggio a dieci minuti dal termine.

Bastano tre minuti dal fischio d’inizio per sbloccare il risultato con Rizzi a portare avanti il Mogliano con un calcio di punizione. Ma sugli sviluppi dell’azione successiva è la Capitolina ad affondare con l’estremo Panunzi, il migliore dei suoi, che dopo aver superato la difesa con un calcio rasoterra schiaccia in meta. Le squadre mostrano un buon rugby cercando spesso di aprire il gioco. Ma nel primo tempo è la Capitolina a sfruttare meglio le occasioni portandosi all’intervallo sul 13-3 grazie a due calci di Panunzi.

La regia di Rizzi e la prorompente grinta di Gigliodoro sempre pronto a ricevere palla e ad affrontare gli avversari senza paura fanno ben sperare per la ripresa. La seconda frazione inizia con l’errore di Panunzi su punizione e su qualche occasione mancata dalla Capitolina, il gioco è movimentato dai tanti cambi e dalla stanchezza dei giocatori. È dopo il water break del secondo tempo però che la partita cambia volto e si tinge dei colori del Mogliano che inizia ad attaccare senza sosta la Capitolina ottenendo tre calci di punizione realizzati dall’infallibile Rizzi.

La difesa romana in un primo momento sembra comunque reggere l’impatto ma il Mogliano non smette di spingere e dopo qualche tentativo andato a vuoto riesce al 31’ a compiere l’impresa segnando la meta decisiva che vale sorpasso e titolo. La meta è frutto di una grande azione corale, con Gigliodoro a portare palla supportato da tutto il pacchetto che avanzando metro dopo metro porta il numero 7 nell’area di meta permettendogli di firmare il sorpasso e di guadagnarsi anche la gioia personale del titolo di man of the match. I dieci minuti che separano Mogliano dal titolo nazionale sono frenetici con i tifosi ad attendere il fischio finale e a tremare quando la Capitolina negli ultimi minuti tenta una reazione d’orgoglio ritrovando la forza di inizio partita conquistando sempre più spazio al Mogliano fino a guadagnare un calcio di punizione da metà campo.

Tre punti sul 16-19 potrebbero riportare in parità la partita, ma l’infortunio occorso a Panunzi priva i romani del loro calciatore per cui la Capitolina è costretta a giocare subito il pallone per poi commettere un fallo in mischia che metterà fine alla partita. Può esplodere quindi la gioia del Mogliano che ha vinto questa finale nel modo più difficile e incredibile, e dopo le premiazioni di rito agli avversari ecco finalmente la coppa alzata da tutti i giocatori, un premio alla grande stagione di questi ragazzi e un importante riconoscimento al vivaio del Mogliano che ha formato una squadra di grande livello, capace di gestire le energie inseguendo la vittoria fino alla fine nonostante la grande pressione data dalla posta in palio e dal vantaggio che la Capitolina era riuscita a guadagnare al termine del primo tempo. Onore quindi a questi ragazzi e a tutta la società, con il Mogliano che torna da Viadana con il titolo meritatissimo di campione d’Italia under 18.

Lorenzo Fracassi

Video del giorno

Valvola di una pressa da 400 quintali devasta la strada a Treviso

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi