Bataclan, ergastolo per l’unico sopravvissuto del commando: nell’attentato morì Valeria Solesin

Salah Abdeslam è stato condannato all'ergastolo senza sconto di pena. La sentenza arriva dopo 10 mesi di dibattiti. Era l'unico superstite del commando che il 13 Novembre del 2015, causò la morte di 130 persone

VENEZIA. Diciannove uomini sono stati dichiarati colpevoli di terrorismo per gli attacchi dello Stato Islamico al teatro Bataclan, ad alcuni locali di Parigi e allo stadio nazionale francese nel 2015. Nell’attentato morirono 130 persone, tra cui la giovane veneziana Valeria Solesin.

Salah Abdeslam è stato condannato all'ergastolo senza sconto di pena. La sentenza arriva dopo 10 mesi di dibattiti. Era l'unico superstite del commando che il 13 Novembre del 2015, causò la morte di 130 persone e centinaia di feriti tra lo Stade de France, i locali del centro della capitale ed il Bataclan

Il presidente del tribunale, Jean-Louis Peries, ha emesso il verdetto a seguito di un processo di nove mesi.

In totale erano venti gli imputati: i 14 che hanno partecipato più altri sei processati in loro assenza (5 sono considerati morti).

Regione

La notte terribile

Nella notte del Bataclan Parigi visse le ore più terribili di quel 13 novembre 2015. I morti furono 130, i feriti oltre 400. Il maggior numero di morti fu nella sala da concerto).

Fra loro Valeria Solesin, studentessa veneziana di 28 anni, che stava seguendo un dottorato in demografia alla Sorbona, e quella notte era al Bataclan con il fidanzato e una coppia di amici per il concerto del gruppo rock Eagles of Death Metal.

Ecco la ricostruzione di quelle ore.

21.20: le prime sparatorie, simultanee, in diversi luoghi. Tre esplosioni accanto allo Stade de France dove si sta giocando l'amichevole Francia-Germania alla presenza del presidente, Francois Hollande, e di 80 mila spettatori. Una persona viene uccisa, oltre ai tre attentatori suicidi.

Nel 10/mo arrondissement, attacco contro il ristorante Le Petit Cambodge, dove vengono colpite a morte 12 persone. In Rue de Charonne, nell'11/mo arrondissement, i morti sono 18 in una sparatoria che dura 2/3 minuti, secondo i testimoni.

Sempre nell'11/mo arrondissement, vicino a Place de La Republique, cinque persone cadono sotto i colpi dei terroristi nella pizzeria La Casa Nostra. In un altro attacco nei pressi della Piazza viene uccisa un'altra persona.

Il Bataclan

Al Bataclan e' in corso un concerto del gruppo americano Eagles of Death Metal con 1.500 spettatori quando i terroristi fanno irruzione e cominciano a sparare sul pubblico, urlando Allah akbar e prendendo un centinaio di ostaggi.

Pochi giorni dopo l’attentato la polizia fa irruzione in una casa nel sobborgo settentrionale di Saint-Denis, dove sono nascosti due uomini coinvolti negli attacchi. Uno degli uomini fa esplodere il suo giubbotto esplosivo e muoiono insieme a una donna che si trova con loro. Il 18 marzo Salah Abdeslam viene catturato nell'area di Molenbeek a Bruxelles, in Belgio.

Il processo

A settembre 2021 si apre a Parigi il processo per gli attentati del 13 novembre 2015. In tutto sono imputati 20 uomini. Abrini, Abdeslam e altri 12 sono comparsi in tribunale. Cinque degli imputati sono presumibilmente morti e uno è in fuga.

Nel 148esimo e ultimo giorno del processo, il 27 giugno, a Parigi: "Non sono un assassino. Se mi condannerete, commetterete un'ingiustizia", le parole di Salah Abdeslam davanti alla corte d'assise speciale di Parigi. Ora la condanna all’ergastolo senza possibilità di sconto di pena.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Sul Canal Grande a Venezia con i surf motorizzati, il sindaco mette la taglia

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi