Contenuto riservato agli abbonati

In Veneto la mafia prospera. «Ma i veneti fanno finta di non vedere»

Paolo Storoni, capocentro Dia del Triveneto e, a destra, il consigliere regionale Roberto Bet

Sfuriata del capocentro Dia all’incontro con gli amministratori trevigiani: «Il Veneto è primo per operazioni sospette. ma nega ancora ogni infiltrazione mafiosa».  «Non c’è collaborazione, così abbiamo già perso»

TREVISO. «Il Veneto è primo per importi nelle graduatoria dello operazioni sospette, ma c’è ancora in questa regione un anacronistico negazionismo dei fenomeni mafiosi e delle infiltrazioni nel tessuto economico che non è più accettabile. Se non cambiamo atteggiamento siamo già perdenti, ha vinto la mafia».

Paolo Storoni, colonnello capocentro della Dia (la Direzione investigativa antimafia) del Triveneto, sferza la sala al primo dei 4 incontri su «Norma antiriciclaggio e pubblica amministrazione»,  a Treviso, a Casa dei Carraresi, su iniziativa della Regione.

Video del giorno

Gasparini, il pilota di droni: "Così abbiamo trovato i corpi sulla Marmolada"

Tataki di manzo marinato alla soia, misticanza, pesto “orientale” e lamponi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi