Nascondevano la droga nei loculi di un cimitero del Catanese, due arresti

Le indagini si sono concentrate nella zona di Giarre dopo alcune segnalazioni in merito a movimenti sospetti, soprattutto di notte

Settantuno chili tra marijuana, hashish e cocaina sono stati scoperti dalla Guardia di finanza durante un blitz nel cimitero di Giarre (Catania). Due le persone, entrambe originarie di Acireale, arrestate in flagranza di reato: un 55enne, che operava come custode del cimitero a titolo di volontario, e  un uomo di 43 anni.

Venti chili di marijuana “skunk” e uno di hashish erano nascosti in un loculo vuoto collocato a circa tre metri di altezza. Altri 20 chili di marijuana erano in possesso del 43enne; altri 30 chili erano in un deposito. Nascosti addosso ai due arrestati i militari hanno trovato 300 grammi di cocaina. 

L'operazione è nata da una intensificazione dei servizi antidroga nella provincia di Catania, con particolare riferimento ai centri abitati di Riposto e di Giarre. Le indagini si sono concentrate nella zona del cimitero di Giarre, oggetto di alcune segnalazioni in merito a movimenti sospetti, soprattutto di notte.

Il blitz al termine di diversi servizi di osservazione e di controllo. I due arrestati erano negli uffici del cimitero. Il 43enne è stato sorpreso mentre vi entrava con i 20 chili di marijuana contenuti in due involucri di colore nero. L'arresto dei due, su richiesta della Procura della Repubblica di Catania, è stato convalidato dal gip. 

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi