In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Settimana della salute mentale, il Màt racconta gli adolescenti 'fragili'

Settimana della salute mentale, il Màt racconta gli adolescenti 'fragili'
Dal 22 al 29 ottobre a Modena oltre cento eventi per parlare di disagio psichico e delle sue infinite sfumature
4 minuti di lettura

Le diagnosi di patologie psichiche, come la depressione, dopo due anni di Covid sono aumentate del 30%, soprattutto tra giovani e studenti. Fondi, strutture e personale, invece, hanno subito una flessione: i servizi di salute mentale da almeno dieci anni subiscono un progressivo impoverimento di pari passo al calo del finanziamento della sanità pubblica.

I dati più recenti che abbiamo a disposizione restituiscono un quadro allarmante: in Europa 9 milioni di adolescenti convivono con un disturbo legato alla salute mentale, ansia e depressione, mentre il suicidio rappresenta la quarta causa di morte nei giovani tra i 15 e i 19 anni, secondo l'ultimo rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Non vanno meglio le cose in Italia: secondo lo studio Unicef "La condizione dell'infanzia nel mondo 2021", un minorenne su 5, circa 1,8-2 milioni (il 20% del totale), soffre di qualche disturbo di salute mentale. Inoltre, come riporta la Società Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza, negli ultimi dieci anni è raddoppiato il numero degli utenti seguiti nei servizi di neuropsichiatria infantile (NPIA), mentre il 50 % di minorenni con problemi di salute mentale non ha accesso a servizi pubblici e almeno uno su 10 (in particolare in età adolescenziale) viene ricoverata in reparti per adulti anziché pediatrici.

7 giorni pieni di iniziative

Per accendere i riflettori sull'importanza di garantire il diritto alla salute mentale, a pochi giorni di distanza dalla Giornata Mondiale della Salute Mentale del 10 ottobre, torna Màt, la Settimana della Salute Mentale, a Modena dal 22 al 29 ottobre (www.matmodena.it): otto giorni per raccontare l'universo della salute mentale attraverso un ricco ed eterogeneo programma di dibattiti, conferenze, eventi artistici e culturali che conta un centinaio di appuntamenti che si svilupperanno su tutti i distretti della provincia di Modena.

Promossa dall'Azienda USL di Modena e organizzata da Arci Modena, la manifestazione è realizzata grazie al contributo - per il settimo anno consecutivo - di Fondazione di Modena, che promuove progetti innovativi capaci di garantire un sostegno più efficace alle persone in condizione di vulnerabilità, e di BPER Banca. La Settimana della Salute Mentale coinvolge a fianco delle istituzioni pubbliche, le associazioni di volontariato, la cooperazione sociale e i gruppi informali di cittadini attivi: la manifestazione è gratuita e aperta a tutti.

La salute della mente

La salute mentale è una componente essenziale della capacità di resilienza delle comunità, ed è quindi fondamentale attuare politiche nazionali che promuovano sistemi di salute mentale inclusivi, efficaci e a tutela dei diritti. Eppure, nonostante una crescente diagnosi di patologie psichiche continua a registrarsi una flessione nei fondi a disposizione di questo settore: "Le misure straordinarie adottate dal Governo per fronteggiare il Covid e le sue conseguenze non hanno modificato il cronico sotto finanziamento del settore salute mentale, anzi la situazione è ulteriormente peggiorata", spiega Fabrizio Starace, direttore del Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche dell'Azienda Ausl di Modena, nonché Presidente Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica e Componente del Consiglio Superiore di Sanità.

Vent'anni fa era stato fissato il parametro del 5% dell'intera spesa per il servizio sanitario nazionale da destinare alla salute mentale. Nel 2018 eravamo al di sotto del 3,5%, nel 2020 a 2,75%, mentre in UE l'obiettivo fissato è il 10%. "Occorre uno straordinario investimento ordinario - continua Starace - che riporti allo standard minimo del 5% la spesa per la Salute Mentale. Ma nel Pnrr non ci sembra di individuare capitoli specifici per questa voce. Va inoltre immediatamente colmata l'assenza di chiare indicazioni su standard organizzativi e di personale che consentano l'accesso a cure di qualità indipendentemente dalla regione di residenza".

Il programma

Màt 2022 prende il via sabato 22 ottobre e prosegue fino a domenica 29 ottobre con un centinaio di appuntamenti.  Si entra nel vivo della settimana di Màt 2022 con uno dei principali temi che caratterizzano questa edizione: l'adolescenza. Proprio da qui si parte già venerdì 21 ottobre alle ore 18.30 a Fiorano Modenese con "Ripartire dai giovani" convegno a cura di Florim Salute&Formazione e Ospedale di Sassuolo.

Sempre agli adolescenti (ma non solo) si parla domenica 23 ottobre alle 17 alla sala delle Mura di Castelnuovo Rangone con l'incontro 'Poetica della transizione': l'evento approfondisce il tema "salute mentale e transizione di identità sessuale" in un'ottica poetica e artistica, attraverso la presentazione dalla produzione letteraria di Neviana Calzolari. Nella seconda parte dell'incontro, l'autrice dialogherà con Giorgio Mattei su alcune tematiche incentrate sulla transizione di identità sessuale, approfondendole dal punto di vista sociale, sanitario e psicologico.

E ancora adolescenti protagonisti il 24 alle 14.30 a Lo Spazio Nuovo di Modena (in via IV Novembre 40/B), con l'incontro 'Pensare al lavoro al tempo dell'adolescenza - l'IPS: storie di possibilità e trasformazione': un confronto tra professionisti, operatori e utenti sull'implementazione in Italia dell'intervento con metodologia Individual Placement and Support sui giovani preoccupati del mondo che li circonda, che dubitano delle proprie capacità, che la pandemia ha costretto all'isolamento sociale.

L'autismo

L'attività dello Sportello Autismo con le scuole è al centro del seminario 'Rete AutisMo', in programma venerdì 28 alle 15 nell'Aula Magna dell'ITI Corni di Modena: saranno presentati i Protocolli Regionale e Provinciale di collaborazione interistituzionale atti a rafforzare il raccordo tra scuola e mondo del lavoro; il percorso di collaborazione tra Spoke Autismo e Sportello Autismo e la sperimentazione in atto per l'individuazione di abilità emergenti che possano diventare obiettivi del PEI (piano educativo individualizzato) funzionali alla loro spendibilità attuale nei Percorsi per le Competenze Trasversali e l'Orientamento, e futura nel post-scuola.

Gli spettacoli

Màt è anche teatro, musica, cinema. Tra i tanti appuntamenti: giovedì 27 alle 20.30 al Teatro Drama si terrà lo spettacolo Déjeuner sur l'herbe ovvero La resistenza degli ulivi. Da segnalare anche lo spettacolo teatrale 'Polvere- studio numero due intorno ad Antigone', a cura dell'Associazione Insieme a Noi ODV, venerdì 28 alle 21 al Teatro Drama di via Buon Pastore 57, Modena. 

 .

La settimana di Màt si chiude sabato 29 ottobre con 'MusicLab Fest: la musica per l'inclusione sociale', dalle 20.30 a La Tenda di Modena. L'evento avrà inizio con l'esibizione dei ragazzi del gruppo MusicLab dell'Associazione Insieme a Noi, che daranno vita ad una serie di performance a partire da basi rap/hip-hop selezionate ed in parte con l'ausilio di chitarra ed altri strumenti. A seguire si esibirà l'artista bolognese Matteo Malacarne, con il suo progetto solista nato durante il periodo della quarantena da Covid-19, e gli Hanga Roa che, attraverso i brani estratti dal loro primo album Ooze, si esibiranno in una performance dal sound ancestrale e primitivo.

 

 

 

Màt è un progetto dell'Azienda Usl di Modena con l'organizzazione di Arci Modena e il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Provincia di Modena, Comune di Modena, Unimore; la manifestazione è realizzata grazie al sostegno di Fondazione di Modena, BPER Banca, CSM dei Comuni della Provincia di Modena, oltre 100 associazioni di volontariato, di promozione sociale e dei famigliari degli utenti.