Covid, i no vax non sono più del 3%. E la metà degli italiani è favorevole al vaccino obbligatorio

Una indagine dell'università di Milano. Aumentano i favorevoli all'immunizzazione ma ci sono gli scettici
2 minuti di lettura

Gli italiani contrari ai vaccini? Uno ogni 20, a fronte di uno su due favorevoli al contrario all'obbligo vaccinale per la ripresa di una vita normale fatta di viaggi, socialità e svago. Ma anche di lavoro in presenza.

E mentre cuochi, allenatori e personaggi della tv scendono in campo per promuovere la vaccinazione anti-Covid-19 e convincere chi è scettico a immunizzarsi (forse con un certo ritardo) uno studio dell'Università Statale di Milano, il ResPOnsE Covid-19, dice che gli italiani che sono propensi a vaccinarsi sono più di quanto probabilmente si pensi (anche se comunque meno di quanto si speri, verrebbe da dire) e che sono aumentati nel tempo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori