Bambina annegata nel lago, la Procura di Treviso indaga per omicidio colposo e omissione di vigilanza

I carabinieri sul luogo della tragedia (foto Maccagnan) 

La tragedia della piccola Mariia: i carabinieri stanno sentendo animatori ed educatori che si trovavano sul lago di Revine per il Grest

TREVISO. La Procura di Treviso ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo e omissione di vigilanza per la morta della piccola Mariia. I carabinieri in queste ore stanno sentendo animatori ed educatori che si trovavano sul lago di Revine per il Grest al momento della tragedia. Al momento nessuno è stato indagato, in attesa che si concludano gli accertamenti dei carabinieri.

Sul corpo della piccola Mariia verrà eseguita l’autopsia, che chiarirà se si sia trattato di un malore o se la piccola Ucraina sia morta in per annegamento.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Salento, violenta tromba d'aria: bagnanti in fuga e alberi divelti a Melendugno

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi