Quindici femminicidi in un anno e cinquanta morti sul posto di lavoro

A scorrere i dati sull’andamento dei reati nel Veneto, ci si imbatte anche in quelli più gravi: l’omicidio. E, tra questi, in un fenomeno umano e sociale allarmante in Italia, come quello dei femminicidi.

Sono 37 i delitti che hanno segnato il Veneto – tra il giugno del 2020 e il luglio del 2021 – e in 15 casi sono state uccise donne. A questi, vanno aggiunto 35 tentativi di omicidio, 10 «con vittime di sesso femminile», come recita la statistica della Corte d’Appello di Venezia. Per 79 delitti sono stati trovati i colpevoli: in 18 casi ancora si stanno cercando. Poi ci sono i morti sul lavoro (50, con 521 feriti molto gravi) e in incidenti stradali (223 vittime e 1225 lesioni gravi). Imponente anche l’articolata voce dei reati economici: 418 bancarotte fraudolente, 250 semplice, 528 dichiarazioni fraudolente per tentare di raggirare il fisco. E i reati ambientali: 21 indagini per inquinamento ambientale, uno per traffico di materiale radioattivo, 607 sul traffico di rifiuti.


Poi la massa dei reati informatici: 4421 truffe online e oltre mille accessi abusivi. E gli immancabili “reati contro il patrimonio”, seppur in calo: 5762 furti in abitazione, 1397 rapine, 754 estorsioni.

In corso anche quattro indagini per associazioni con finalità di terrorismo internazionale e uno per addestramento con finalità di terrorismo.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Battiato, un anno dopo: un ensemble di violini dal Veneto nella sua Milo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi