Senza reddito ma milionario. La Finanza sequestra tutti i beni al rom trevigiano

La Villa di Spresiano, denaro in conti correnti, due chili di gioielli in una cassetta di sicurezza, titoli e polizze: tutto portato via e sorveglianza speciale

TREVISO. Il cancello in ferro battuto con la scritta “vip”, lo scivolo del luna park sul retro e un villa di 300 metri quadrati abusiva, che faceva da roccaforte di Roberto Braidic, in via Calessani a Spresiano. La guardia di finanza di Treviso ha confiscato al capo clan ben per 1,2 milioni di euro.  

Le fiamme gialle hanno eseguito il sequestro in base ad un decreto emesso dal Tribunale di Venezia, a seguito di indagini dirette inizialmente dalla Procura della Repubblica di Treviso e poi coordinate dalla Procura della Repubblica di Venezia.

I beni sequestrati sono la villa di circa 300 mq, del valore di 450.000 euro risultata peraltro abusiva e oggetto di un'ordinanza di demolizione da parte del Comune di Spresiano; disponibilità finanziarie per 686.579 euro tra conti correnti, polizze assicurative, titoli azionari, libretti di risparmio; e 2 chili di gioielli, rinvenuti in una cassetta di sicurezza per un valore di 40.000 euro. Lo stesso decreto ha inoltre disposto, nei confronti di Braidic e per la durata di due anni, la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

La villa di Braidic confiscata dalla finanza

La difformità tra il tenore di vita e quanto dichiarato negli anni, ha portato la Finanza sulla tracce del 55enne. Non aveva un lavoro, non aveva presentato dichiarazione dei redditi – come nessuno dei familiari – eppure aveva conti in banca a sei cifre, cassette di sicurezza piene d’oro e una villa da oltre 300 metri quadri. Ma come quest’ultima è stata dichiarata abusiva, la Procura già lo scorso anno aveva sequestrato anche gli altri beni di Braidic la cui provenienza era ritenuta illecita.

Da quel momento ad oggi il 55enne aveva l’onere di dimostrare che invece la provenienza di quei beni era perfettamente legale. Non ci è riuscito, ed essendo ritenuto un soggetto socialmente pericoloso, è scattata la confisca dei beni, che sono ora nella disponibilità dello Stato. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

L'arrivo di Del Vecchio ad Agordo tra gli applausi della sua gente

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi