Contenuto riservato agli abbonati

Le false certezze fornite dai test sierologici attuali

Siamo ancora lontani dal poterli utilizzare per decidere, sulla base del suo risultato, se il singolo individuo è immune o suscettibile al contagio. La vaccinazione anti-Covid19 ci protegge bene dall’infezione se è in grado di stimolare una buona produzione di anticorpi e che col calare degli anticorpi in circolo aumenta il rischio di infettarsi e ammalarsi

PADOVA. All’inizio della pandemia Covid19 si era molto discusso di un passaporto d’immunità da consegnare a chi fosse guarito dall’infezione. Si pensava di alleggerire il lockdown e permettere la ripresa di alcune attività almeno a quelle persone che avessero superato la malattia, in modo sintomatico o asintomatico. La proposta venne bloccata per diversi motivi, primo tra tutti la mancanza di certezza che aver superato l’infezione fosse una garanzia di immunità verso infezioni future.

In

Video del giorno

Battiato, un anno dopo: un ensemble di violini dal Veneto nella sua Milo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi