Banda di ladri di appartamento arrestata a Mestre: svaligiate 48 case in due mesi tra Venezia, Padova. Treviso, Pordenone

Al momento dell’irruzione della polizia hanno tentato di fuggire. Porta abbattuta e inseguimento. Ora sono in carcere

VENEZIA. “Guarda questa casa… È vuota… Se saliamo da dietro la fottiamo… “

Sceglievano così le abitazioni da derubare, quattro cittadini albanesi arrestati venerdì notte dalla Squadra mobile di Venezia, su ordine del pubblico ministero Antonia Sartori, con l’accusa di aver messo a segno ben 48 furti in appartamento, in neppure due mesi, tra settembre e ottobre.

Anche più colpi nella stessa notte, a distanza di pochi minuti l’uno dall’altro, come evidenzia il giudice per le indagini preliminari Alessandro Gualtieri nell’ordinanza con la quale ha disposto per i quattro la custodia cautelare in carcere, per pericolo di fuga e di reiterazione del reato.

Furti messi a segno nel Veneziano, in provincia di Treviso e Padova e fino a Pordenone.

Il gruppo - secondo l’accusa - aveva messo su casa in via del Gazzato a Mestre e da qui partiva per le sue scorribande. Sempre di notte, scegliendo abitazioni isolate e appartamentI preferibilmente vuoti.

L’auto veniva noleggiata (una anche a Napoli) da prestanome. Un autista e tre ladri. Questa, secondo gli investigatori, la divisione dei ruoli all’interno del gruppo.

Investigatori che da settimane tenevano d’occhio la banda con telecamere puntate sulla loro casa-base, gps e microspie nell’auto e che sono intervenuti venerdì notte, temendo che i quattro stessero per scappare.

Quando hanno suonato al campanello della abitazione, intimando di aprire, all’interno della casa è scoppiato il parapiglia, con tre persone che hanno cercato di scappare dalla finestra del bagno. La polizia è stata così costretta a sfondare la porta. Un quarto uomo è stato arrestato in stazione di Mestre.

Secondo le ipotesi dell’accusa - riassunte nell’ordinanza con la quale il gip Gualtieri ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare in carcere per i quattro cittadini albanesi- la casa di Mestre era una sorta di base per le operazioni dei ladri di turno e la banda era soggetta a una sorta di turn over.

Nelle intercettazioni si sentono i ladri chiacchierare tra loro e vantarsi dei loro “redditi”: l’autista racconta di aver guadagnato fino a  5000 € al mese, mentre i suoi compagni raccontano di aver fatto su 13.000 € “smontando le maniglie”.

Oggi davanti al giudice per l’interrogatorio di garanzia, i quattro – difesi dagli avvocati Stefania Pattarello, Mauro Serpico, Cesare Dalla Costa – si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Ora sono a nel carcere di santa Maria Maggiore.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Bengala Fire, l'appello al voto di Cornuda: "Facciamoli splendere fino alla vittoria"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi