Andràtuttobene, ecco la mostra dei disegni dei bambini in Veneto durante il Covid

Presentata dal presidente della Regione Luca Zaia: è una promessa mantenuta. Sarà un’esposizione itinerante: debutto a Padova il 7 novembre, poi in tutti i capoluoghi per concludersi a Vo’ dove tutto ebbe inizio 

(ANSA) - VENEZIA, 25 OTT - "Questa esposizione è una promessa mantenuta. La tragedia del Coronavirus ha causato sofferenze e lutti, ha visto un impegno eccezionale della nostra sanità e delle altre istituzioni coinvolte. Ma se parliamo del disagio a cui si è accompagnata, un prezzo altissimo è stato pagato da coloro che hanno perso mesi e mesi di libertà da bimbi o da adolescenti". Così il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha presentato oggi "Andràtuttobene", la mostra dei disegni e delle altre realizzazioni ricevute dai bambini durante la pandemia e che hanno 'cadenzato' il punto stampa quotidiano sulla pandemia dalla sede della Protezione civile di Marghera.

Andrà tutto bene: i disegni dei bambini durante la pandemia diventano una mostra in Veneto

"Non è l'occasione per festeggiamenti o celebrazioni - ha puntualizzato Zaia - perché la pandemia non è ancora finita, ma è un momento per dire che ce la faremo ad uscire da questa situazione, ripetendo il messaggio più ricorrente tra quelli inviati dai giovanissimi: andrà tutto bene".

Si tratta di una mostra itinerante, il cui progetto è stato donato dallo Studio Adriani e Rossi di Thiene (Vicenza) e realizzato dal Teatro Stabile del Veneto, che sarà inaugurata a Padova il prossimo 7 novembre e che toccherà tutti capoluoghi delle province, per concludersi a giugno con una tappa speciale a Vo' (Padova), città simbolo della battaglia contro il Coronavirus. In esposizione 838 disegni, 54 disegni tridimensionali, 13 sculture, 76 pensieri e messaggi, e anche un videomessaggio, suddivisi in tre fasce: "Prescolare", "Scolare" e Young". Vi sono, inoltre, numerose immagini del personale sanitario impegnato nel contrasto al Coronavirus. Per i piccoli visitatori ci saranno fogli e disegni per cimentarsi e quanto realizzato verrà comunque esposto. "Come adulti - ha concluso Zaia - tramite gli occhi di questi piccoli artisti potremo riscoprire la speranza in un futuro migliore. Anche per questo i bimbi veneti meritano un grazie, oltre che per aver sostenuto chi era in prima linea. Sono stati parte attiva di questa battaglia contro il Covid sopportando lunghi mesi di didattica a distanza, senza i giochi all'aperto, nella rinuncia forzata all'incontro con i compagni". (ANSA). BUO-COM

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Bengala Fire, l'appello al voto di Cornuda: "Facciamoli splendere fino alla vittoria"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi