Veneto, su 16 pazienti in terapia intensiva, solo uno è vaccinato e con una sola dose. La regione non rischia il cambio zona

Il Veneto ha un Rt di 1,6 e, ha spiegato Zaia: «Non escluso che la prossima settimana passeremo i mille positivi al giorno se avremo un trend come quello che c’è in Europa». Domani si vaccina la Lazio ad Auronzo

VENEZIA. Resta sempre alto il conteggio quotidiano dei nuovi contagi Covid in Veneto. Sono 669 i nuovi positivi registrati nelle ultime ore, con una incidenza dell'1,79% sui tamponi eseguiti. Il totale degli infetti dall'inizio dell'epidemia sale a 431.333. Lo riferisce il bollettino della Regione. Nessun decesso in più rispetto a giovedì: il totale delle vittime è invariato a 11.629.

Crescono i soggetti attualmente positivi e in isolamento, 8.958 (+316). Migliora invece il report clinico: i ricoverati complessivamente sono 260 (-5), dei quali i ricoverati totali 260 (-5), dei quali 242 (-5) in area medica, e 18, invariato, in terapia intensiva.

«Su 16 ricoveri in terapia intensiva solo uno è vaccinato, un 54enne con una sola dose di vaccino, gli altri tutti non vaccinati. Non faccio la promozione al vaccino ma dico come stanno le cose: ad oggi i dati epidemiologici del Veneto dicono che su 160 pazienti ricoverati e valutati sono non vaccinati 144, vaccinati con una dose 16, con due dosi 0». L’ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia commentando i dati sulla pandemia da Covid19 nel corso di un punto stampa alla sede della Protezione civile di Marghera (Venezia). 

Il Veneto ha un Rt di 1,6 e, ha spiegato il presidente del Veneto Luca Zaia «non escluso che la prossima settimana passeremo i mille positivi al giorno se avremo un trend come quello che c’è in Europa». «Fortunatamente c’è un rapporto molto diverso tra contagi e ospedalizzazioni rispetto al passato - ha proseguito parlando nel corso di un punto stampa - dobbiamo prepararci ad avere molti contagiati ma voglio tranquillizzare che non siamo a rischio cambio di zona con questi nuovi parametri».

«Io penso che il modello francese non sia applicabile perchè introduce di fatto in maniera lapidaria l’obbligo vaccinale e a me sembra di aver capito che non è obbligatorio quindi difenderò la libertà di tutti. Prendo atto che è stato esteso in maniera importante l’uso del green pass. Il tema oggi allora è un altro: siamo in grado di garantire i vaccini? A me sembra che ne manchino perchè vi confermo che c’è un assalto alla diligenza per vaccinarsi».

SABATO SI VACCINA LA LAZIO

«Domani ad Auronzo di Cadore al ritiro della Lazio vaccineremo tutta la squadra. Sono stato contattato dal presidente Lotito e mi ha chiesto se potevamo vaccinare e tutta la squadra ha deciso di farlo».

Video del giorno

XFactor, soffre di crisi di panico e deve cantare seduta: Phoebe supera le paure e conquista tutti

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi