Zaia: in Veneto niente AstraZeneca agli under 60

Il governatore Luca Zaia durante uno dei quotidiani punti stampa nella sede della Protezione civile di Marghera

In Veneto niente open day con vaccini a fattore virale. Sull’eventualità di una terza dose per ora non è stato elaborato alcun piano. «Ma se serve siamo pronti»

VENEZIA.«Noi non facciamo open day, non li abbiamo mai fatti, non facciamo nessuna attività promozionale dei vaccini a vettore virale sotto i 60 anni». Lo ha sottolineato il presidente del Veneto Luca Zaia nel punto stampa del 10 giugno. «All'inizio quando lo annunciammo, dopo la circolare dell'Aifa, sembravamo degli sprovveduti», ha  aggiunto, «perché ti aumenta il magazzino». Perchè «quando ti hai saturato gli over60 - spiega - a chi li fai? A nessuno. Tanto è vero che noi stiamo accantonando per le seconde dosi 144mila vaccini di Astrazeneca e 78mila di J&J».

Non pago di questo, «il Veneto ha chiesto nella Conferenza dei Presidenti di Regione tre settimane fa», fa  sapere il governatore, «di scrivere al Ministero della salute per sapere se vi erano novità sulla raccomandazione». In questo contesto, per Zaia «è prudente, vista la bassa prevalenza del virus, valutare il rapporto costi-benefici e la valutazione che fa il Veneto è di non utilizzarli».

Sull’eventuale terza dose di vaccino, su cui si dibatte in queste ore, Zaia ha dichiarato che «al momento non c'è un piano per la terza dose di vaccino. Ma siamo pronti e ben venga una terza dose».

Video del giorno

Valvola di una pressa da 400 quintali devasta la strada a Treviso

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi