Polemiche sul numero di posti letto nelle terapie intensive venete: ecco i dati ufficiali della Regione

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia risponde alle accuse degli anestesisti: "Abbiamo mille posti reali. Li abbiamo raddoppiati dal 21 febbraio a oggi"

VENEZIA. La risposta alle accuse è arrivata, con i dati.ll presidente dell’associazione anestesisti rianimatori ospedalieri  Vergalli aveva sparato a zero sui mille posti di terapia intensiva della nostra regione, paventando un paragone tra la Sicilia e il Veneto sul fronte della gestione dei numeri dei posti in terapia intensiva:

«Laddove si parla di nuovi posti di terapia intensiva bisogna intendersi su cosa sono. In questi giorni si colpevolizza la Regione Sicilia perché avrebbe truccato i dati sui posti di rianimazione.Ma non è l’unica regione che avrebbe tentato di gonfiare i numeri perché tra i posti di rianimazione nuovi vengono annoverati anche i lettini di sala operatoria che erano stati usati in emergenza nella prima ondata. Quindi tutti i numeri di cui si parla, solo in alcuni casi sono posti veri di rianimazione". 
 
 
"I mille posti del  Veneto per esempio non sono tutti di rianimazione vera e propria, ci risulta che 111 di questi siano letti di sala operatoria. Verosimilmente i ricoveri in terapia intensiva aumenteranno finchè le misure di contenimento sociale avranno i loro effetti». 
 
Lo ha affermato Alessandro Vergallo, presidente della Aaroi-Emac (associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani-emergenza area critica).
 
Immediata la replica a caldo di Zaia ("Non siamo lazzaroni, sono posti letto reali") che ora snocciola numeri.
 
Ecco i dati presentati dal governatore
 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi