In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Istrana. Rappresentante trovato morto in auto, indagato un amico, arrestato uno spacciatore

Svolta nelle indagini nell'inchiesta sulla morte di Damiano Pontin, 31 anni, ucciso quasi sicuramente da un'overdose di eroina e trovato accasciato nella sua automobile sul sedile di fianco a quello di guida. Indagato per omesso soccorso un amico del giovane e arrestato il presunto spacciatore che gli avrebbe venduto la dose di eroina fatale

1 minuto di lettura
Damiano Pontin 
E' stato indagato a piede libero per omesso soccorso un amico del giovane rappresentante di Istrana trovato morto dalla madre nell'auto parcheggiata sotto casa ed è stato arrestato e portato in carcere il presunto spacciatore che gli avrebbe venduto la dose di eroina che gli è stata fatale.

Le indagini dei carabinieri hanno portato a una svolta nell'inchiesta sulla tragica fine di Damiano Pontin, 31 anni, ucciso quasi sicuramente da un'overdose di eroina (sarà l'autopsia a stabilire con certezza le cause della morte) e trovato accasciato nella sua automobile sul sedile di fianco a quello di guida.

Secondo i carabinieri, l'amico che era con lui e che, preso dal panico, l'avrebbe abbandonato in auto senza prestargli soccorso è D. A., un giovane di Istrana di 26 anni, con il quale Pontin avrebbe passato la serata, mentre il presunto spacciatore finito in carcere è Moreno Cappellotto, 44 anni, di Arcade, che avrebbe venduto al giovane rappresentante il grammo di eroina risultato letale.

Durante la perquisizione a casa di Cappellotto gli investigatori hanno rinvenuto e sequestrato 10 grammi della stessa sostanza e un bilancino di precisione.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, Pontin e l'amico avrebbero trascorso insieme la serata e quando, dopo aver assunto la droga, il giovane rappresentante si è sentito male, D.A. lo avrebbe caricato in macchina per accompagnarlo a casa. Durante il tragitto, però, le condizioni di Pontin sarebbero peggiorate, tanto che si sarebbe accasciato sull'amico al volante, il quale avrebbe perso il controllo dell'auto finita fuori strada: circostanza che sarebbe confermata dai danni riscontrati sulla macchina. Sempre più spaventato e in preda al panico, l'amico lo avrebbe poi portato sotto casa lasciandolo in auto: se agonizzante o già morto dovrà essere chiarito.
I commenti dei lettori