Ok alla modifica della mappa delle regioni italiane per gli aiuti di stato

BRUXELLES - Ok della Commissione europea a una modifica della mappa per gli aiuti a finalità regionale 2022-2027 per l'Italia. In questo modo, potranno ricevere aiuti anche alcune parti di Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta e Veneto, che vengono definite ‘aree C non predefinite’. L'importo massimo dell'aiuto per le grandi imprese in queste zone può variare tra il 10% e il 25% dei costi di investimento ammissibili. Tali importi possono essere aumentati di 10 punti percentuali per gli investimenti delle medie imprese e di 20 punti percentuali per gli investimenti delle piccole imprese, per i loro investimenti iniziali con costi ammissibili fino a 50 milioni di euro. La modifica arriva un anno dopo la decisione di Bruxelles di introdurre una semplificazione per consentire agli Stati di assegnare facilmente la qualifica ‘area C non predefinita’ alle cosiddette aree di 'transizione giusta', che si trovano ad affrontare particolari difficoltà contingenti - oltre alle ‘aree A’ che sono le più povere con un Pil pro capite che tra il 2016 e il 2018 è stato inferiore al 75% della media Ue.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Con il contributo dell'Unione Europea

Video del giorno

Monza, Berlusconi e Galliani tornano in A: Il Condor scatenato in tribuna come ai tempi del Milan

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi