Moda

Cristina Marino: "Prenderci cura di noi stesse deve essere un appuntamento inderogabile"

L'attrice, modella e influencer racconta come è cambiata la sua vita con la nascita di Nina, primogenita del suo matrimonio con Luca Argentero e come sia cresciuta la sua attenzione alla natura e all'ambiente, che si riflette anche nel suo lavoro

2 minuti di lettura

Attrice, modella e influencer, una figlia di poco più di un anno e le idee molto chiare. Cristina Marino, con semplicità e allegria, sembra aver già trovato un buon equilibrio.
Moglie di Luca Argentero, uno degli attori più popolari e ammirati della sua generazione, è diventata mamma di Nina, primogenita della coppia, nel mezzo della pandemia: "Un po' me ne vergogno anche, ma non posso non dire che il lockdown per me è stato salvifico: in un altro momento storico non avrei avuto la possibilità di godermi mia figlia così tanto. Abbiamo trascorso il lockdown in un casale in Umbria, e io ero felice. Ero incinta di 7 mesi, era primavera e eravamo immersi nella natura. Era tutto molto bello. Avrei voluto fermare il tempo. Ci siamo tornati dopo la nascita di Nina e goderci nostra figlia è stato magico. Probabilmente in un momento storico diverso non ci sarebbe stata la possibilità. Sia io e che Luca non sappiamo stare sul divano, abbiamo l'esigenza del fare, in quel momento tutto il mondo era fermo, e ci siamo permessi questo lusso."

Sulla gestione del tempo, Cristina confessa l'ossessione del controllo, e i sensi di colpa, comuni a molte madri. Su una cosa però è ferma e netta: dedicare del tempo a noi stesse, anche se si è madri e si ha una famiglia, è fondamentale e imprescindibile: "Mi batto per dire che non deve mancare mai il tempo per noi stesse. Ma con i bambini, sarei una bugiarda a dire il contrario, la vita cambia completamente. Nessuno ti dice davvero quanto la tua vita venga sconvolta."

"Cerco comunque di ritagliare degli spazi per me, anche ottimizzando. Sono capace di fare le mie maschere mentre lavoro. Prima mi allenavo tutti i giorni, ora se sono fortunata riesco a farlo 3/4 volte la settimana, per 40/50 minuti. E' fondamentale la gestione del tempo, ed è quello che sostengo con il mio programma di allenamento BeFancyFit. Dobbiamo imparare a trattarci come quell'appuntamento inderogabile a cui non puoi mancare. Dobbiamo metterci nell'agenda anche noi. Solo così in una settimana di affanni l'amore per noi stesse non deve mancare, scegliere di amarsi è l'unico sistema per non rincorrere il tempo. Visto in questa prospettiva tutto cambia, anche agli occhi degli altri. Se non siamo noi le prime ad amarci perché lo devono fare gli altri"


E il risultato di questi costanti appuntamenti, nel caso di Cristina, è evidente non solo per la forma fisica, ma anche per l'attitudine serena e positiva verso la vita, e attenta all'ambiente: "Credo che la nostra generazione stia portando avanti temi importanti, dall'accettazione dell'altro alla cura dell'ambiente in cui viviamo. La natura è troppo potente per non essere trattata con rispetto. Nelle mie collaborazioni, cerco sempre di privilegiare progetti che abbiano una particolare attenzione all'ambiente, come Live Diamond, che crea diamanti ecosostenibili." Anche i gioielli, le pietre, i diamanti, che sembrano il simbolo dell'immutabilità, possono evolversi verso la sostenibilità: "Amo i gioielli come tutte le donne, e Luca mi ha trasmesso la sua passione per le pietre, che colleziona. Da poco ho iniziato a collaborare con Live Diamond che crea diamanti in laboratorio. La cosa straordinaria è che mantengono tutte le caratteristiche di un diamante naturale, ma con un costo, soprattutto in termini ambientali, ma anche economici, di gran lunga inferiore. Quando me l'hanno proposto ho sposato subito la loro filosofia"


"Il gioiello più commovente che ho ricevuto è stato l'anello di fidanzamento, quello più importante, che indosso con più attenzione è stato per la nascita di Nina. Mi piace molto portare anelli, li preferisco agli orecchini e alle collane importanti. - racconta Cristina - Luca invece non ama indossare gioielli, è essenziale."

Nel futuro prossimo di Cristina il cinema con il film Uomini da marciapiede, al fianco di Paolo Ruffini e Clementino: "E' stato un set divertentissimo, e spero che il divertimento sul set arrivi al pubblico." e la televisione, con la seconda stagione di Macari, con Claudio Gioè.

Per quanto riguarda il fututo remoto, tra 20 anni Cristina vorrebbe rallentare il tempo, che sembra sfuggirle, e tornare alla sua amata campagna, ma senza dimenticare gli allenamenti: "Spero di diventare una campagnola felice ma anche una cinquantenne fit, come quelle che partecipano ai miei allenamenti, perché il benessere è fondamentale."