Parenting. Detesto giocare con mio figlio!

Imbarazzante pensarlo, figurarsi ammetterlo. Eppure succede a non pochi genitori…Come mai? La pedagogia più aggiornata tira in ballo l’infanzia. Ma la propria, non quella dei figli

Se questi argomenti ti interessano iscrivi alla nuova newsletter del Gruppo Gedi, Genitori Equilibristi, che parla di quanto è complicato essere genitori oggi
4 minuti di lettura

Nell’ansia agonistica di essere un bravo genitore c’è un tormentone che uno prova a ripetersi per farsi coraggio: “Non conta la quantità, è la qualità del tempo trascorso con i figli a fare la differenza”. Peccato che poi basti una domanda semplice come "Giochi con me, mamma?", magari di sera, dopo una giornata faticosa, a instillare dubbi sul significato di quella parola: qualità.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori