Storia di Simon Bramhall, il chirurgo inglese che incideva con il laser le sue iniziali sugli organi che stava trapiantando

La sua difesa: «Mi serviva per allievare lo stress degli interventi».

Nel 2013 il dottor Simon Bramhall ha trapiantato un fegato all’interno di un suo paziente. Poi ha usato un raggio elettrico per incidere le lettere "S" e "B" nell'organo che aveva appena inserito nel corpo della dona. Il dottore aveva così marchiato con il suo monogramma il nuovo fegato della donna, ignara di tutto. Ma un altro chirurgo ha scoperto le iniziali durante un intervento chirurgico di follow-up quando l'organo ha fallito circa una settimana dopo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori

Video del giorno

Don Tonino Bello, Vendola: "Nella sua Chiesa l'umanità era al centro di tutto"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi