Piste da sci aperte o chiuse a Natale? Cosa ne pensate?

Il tema è caldo. Nel momento in cui la curva epidemiologica dei contagi da coronavirus sta rallentando in Europa, sono in tanti a chiedersi se sia giusto e meno tenere chiuse le piste da sci. Parliamo di un comparto che in Italia dà lavoro a 400 mila persone e sviluppa un gettito di 12 miliardi di euro all’anno. La questione divide. Il governo ha già dettato la linea: impianti chiusi fino a dopo le festività per evitare assembramenti e la diffusione dei contagi.

Ma c’è anche chi la pensa in maniera diversa: c’è chi pensa che riaprire in un contesto di sicurezza sia possibile. E c’è chi si spinge più in là, chiedendo di investire sui tamponi rapidi per permettere alla stagione sciistica di ripartire in sicurezza. Il comparto, ovviamente, chiede di poter aprire: «Tra l’Immacolata e l’Epifania ci giochiamo la stagione». 

Created with Survey maker

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi