In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

La maestra assunta e licenziata ogni settimana per un anno: verrà risarcita, il Tar condanna la scuola di Treviso

La docente aveva un contratto settimanale di 11 ore: entrava in aula solo i primi due giorni della settimana

Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Creato da

Si fa presto a dire "precariato” nella scuola. Dagli istituti italiani arrivano storie al limite: come quella di una maestra assunta e licenziata, poi ri-assunta e ri-licenziata ogni settimana, per un anno, perché il suo contratto settimanale era di 11 ore complessive. E la scuola dove ha insegnato ha interpretato in modo insolito - se non anomalo - le pieghe della legge. Facendo sì che la “docente a cottimo” entrasse in aula solo i primi due giorni della settimana. Gli altri quattro restava fuori. Veniva poi ripresa il lunedì.

La donna ha dovuto accettare quel contratto “tira e molla”, ma quando ha terminato il suo impegno nelle elementari dell'istituto comprensivo 3/O di Conegliano si è rivolta al sindacato Gilda, esponendo l'assurda esperienza, per capire se poteva far causa e vedersi riconosciuto il diritto ad un equo trattamento economico.

Cosa confermata più tardi, nell'aprile 2021, dal Tribunale di Treviso, con una sentenza del giudice del lavoro. Alla docente, ha sentenziato il giudice, andava riconosciuto il servizio part-time al 50% per tutto l'anno scolastico, sia ai fini della retribuzione che del punteggio. Il danno economico è stato facile da calcolare. La maestra aveva percepito 1.600 euro per l'intero anno di scuola, gli 8-9.000 di un part-time al 50%. Ha atteso oltre un anno che la scuola ottemperasse alla decisione del giudice. Non ha ricevuto nulla. A quel punto è ricorsa al Tar del Veneto, che a sua volte le ha dato ragione.

Qualche giorno fa il Tribunale amministrativo ha ordinato alla scuola e all'Ufficio scolastico regionale di provvedere al pagamento, entro 90 giorni. Per il nuovo dirigente dell'Istituto Comprensivo 3/O di Conegliano, Giovanni Pucciarini, non c'è dubbio che la cifra le spetti. «Non trovo corretto far attendere ancora molto questa persona - ha commentato - quindi procederemo al pagamento della cifra stabilita. Certamente però la nostra scuola non può restare col cerino in mano e quindi con un ammanco per due anni a bilancio. Chiederò all'ufficio scolastico provinciale di trovare una soluzione».

I commenti dei lettori