In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Politiche 2022, Serracchiani: “Serata triste”. Salvini esulta su Twitter: “Grazie”. Conte esulta: “Grande rimonta”. E difende il Rdc: “Dovranno passare su di noi per eliminarlo”

Dopo la chiusura dei seggi i protagonisti delle elezioni commentano gli exit poll e i risultati

Aggiornato 4 minuti di lettura

Creato da

(ansa)

«Indubbiamente non possiamo non attribuire la vittoria alla destra trascinata da Giorgia Meloni. E' una serata triste per il Paese». La capogruppo Pd alla Camera, Debora Serracchiani, si presenta poco dopo l’1 di notte in conferenza stampa al Nazareno. Ammette lei la sconfitta per il centrosinistra mentre  le proiezioni, descrivono e consolidano un risultato che segna una svolta, ma, sottolinea, «con questa legge elettorale la destra ha la maggioranza in Parlamento, ma non ha la maggioranza nel Paese. Il Terzo polo non ha raggiunto l'obiettivo che si era dato, con un risultato non all'altezza delle aspettative». 

Serracchiani: "Serata triste ma noi prima forza di opposizione. Terzo polo sotto le aspettative"

Casellati: Meloni grande donna e grande leader
«Nessun veto a Meloni come premier, ha fatto una bellissima campagna elettorale, e' una grande donna, una grande leader, ha ottenuto un risultato straordinario, perché no». Lo ha detto a Potenza, la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati - candidata in Basilicata all'uninominale al Senato.

La Russa: “I numeri ci consentiranno di governare”
«Mi pare che la maggioranza che si starà prefigurando ci consentirà di governare. Sono molto ottimista sulla solidità e compattezza del centrodestra». Così il senatore di Fdi Ignazio La Russa, parlando al quartier generale del partito allestito all'Hotel Parco dei Principi.

Conte 1
«Il Movimento Cinque e Stella ha compiuto una grande rimonta. Tutti ci volevano fuori dal parlamento, ci davano a una cifra, in picchiata, in discesa. Ora siamo la terza forza politica e abbiamo una grande responsabilità. Per il M5S si profila un ruolo di opposizione: mostreremo coraggio, determinazione e saremo concentrati per realizzare il programma illustrato in campagna elettorale». Poi sulla vittoria di Giorgia Meloni la stoccata al Pd: «Le varie scelte compiute dai dirigenti del Pd hanno compromesso la campagna elettorale e un’offerta politica che potesse competere con un centrodestra che si è presentato unito». Ma lascia una finestra ad un dialogo: «Se all'opposizione il Pd vorrà unirsi alle nostre battaglie ne discuteremo, ma senza nessun cartello e nessuna accordo». 
Conte 2
«Il centrodestra sarà maggioranza nel parlamento ma non nel paese. E' il risultato di questa legge elettorale. Inizieremo subito una battaglia per superare questa legge elettorale». Così il presidente del M5s, Giuseppe Conte, parlando dalla sede del Movimento.
Salvini, Lega: sarà una lunga notte grazie
Matteo Salvini non parla del risultato della Lega, ma affida la sua esultanza su Twitter a quello della coalizione: «Centrodestra in netto vantaggio sia alla Camera che al Senato, sarà una lunga notte, ma già da ora vi voglio dire grazie». E a corredo del messaggio due icone, cuore e braccio muscoloso. Per resto bocche cucite in via Bellerio, storica sede della Lega, dove Salvini è arrivato alle dieci e mezza guidando la sua auto. Tra gli esponenti del Carroccio giunti a seguire qui i risultati elettorali ci sono i senatori Edoardo Rixi e Massimiliano Romeo. Quest’ultimo, ai giornalisti presenti che gli hanno chiesto se avesse qualche aspettativa sui risultati, ha replicato con poche parole: «Siamo fiduciosi, siamo sempre ottimisti». 
Orban a Meloni, "Amici per comune visione sfide Ue"
«In questi tempi difficili, abbiamo più che mai bisogno di amici che condividano una visione e un approccio comuni alle sfide dell'Europa»: così su Twitter Balazs Orban, direttore politico del premier ungherese Viktor Orban e membro del Parlamento ungherese, che rivolge i suoi "complimenti" a Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini per il risultato nelle elezioni italiane.


Ricciardi, M5S: non siamo polvere di Stelle
Accolto da un lungo applauso Il presidente del M5s, Giuseppe Conte è arrivato a piedi alla sede del Movimento 5 Stelle in via di Campo Marzio, annunciando una conferenza stampa. A inizio serata a parlare dalla sede romana del risultato del Movimento era stato il vicepresidente Riccardo Ricciardi: «“Parlavano di polvere di stelle” e invece siamo il terzo partito di questo paese, nessuno ci avrebbe scommesso – dice a collegato con Mentana su La7-. Parleremo di diseguaglianze, difenderemo il reddito di cittadinanza, porteremo aventi il salario minimo».  

Boccia, Pd: «Non azzardo previsioni ma ci saranno sorprese»
Ospite di Porta a Porta su Rai1, Francesco Boccia del Pd ostenta ottimismo: «Penso che avremo sorprese perché è stata una campagna elettorale molto brutta e aspra, ma anche molto vera. Ma non azzardo previsioni, vediamo cosa succede».

Toti, Noi Moderati: “Dato evidente è astensione in crescita”
«Sarà una notte lunga. Per ora una sola considerazione, che spero preoccupi tutti allo stesso modo: l'astensione si conferma in crescita, anche alle consultazioni politiche, quando di solito gli italiani vanno con grande senso civico alle urne. Su questo bisogna lavorare molto». Giovanni Toti, di Noi Moderati, commenta così su Facebook i primi dati in vista dei risultati elettorali.

Tajani, Forza Italia: “Determinanti per vittoria e Governo”
«Forza Italia è determinante per la vittoria del centrodestra e sarà determinante per la formazione del nuovo governo. Con i numeri e con i contenuti. Siamo fiduciosi anche per la vittoria in Sicilia del nostro Renato Schifani». Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia affida il suo commento a Facebook e Twitter. Poi, Tajani parla della leader di FdI: «Noi non abbiamo pregiudizi nei confronti di Giorgia Meloni, ma la decisione (su chi sarà il nome indicato per la presidenza del Consiglio, ndr) verrà dopo un vertice di Berlusconi, Salvini e Meloni e con il presidente della Repubblica che avrà l'ultima parola, perché è la Costituzione che lo prevede». L'ha detto il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani dalla sede del gruppo azzurro alla Camera. 

Boschi, Italia Viva: “Errore Letta, Terzo polo prende voti”
«Letta e il Pd hanno fatto un errore quando non hanno voluto fare un accordo con noi dicendo che facevamo perdere voti. I voti siamo capaci di prenderli, eccome». Maria Elena Boschi, capogruppo di Italia viva alla Camera, commenta così i primi risultati delle elezioni.

Rosato, Italia Viva: non esiste più il centrodestra ma la destra
«Mi vedete triste? L'unica cosa triste è che è stato affermato che non esiste il centrodestra ma la destra che ha vinto le elezioni, se i dati saranno confermati». Così commentando i primi dati delle elezioni al comitato elettorale del Terzo polo.

Bonelli, verdi-sinistra: grande successo ma senza coesione
«Per noi un grande successo, frutto di una grande mobilitazione. C'è però la vittoria della destra. C'è un rammarico. Se le nostre parole fossero state accolte, se fossimo stati tutti uniti, mettendo da parte le divisioni, non avremmo consegnato il Paese a una destra estrema- così Angelo Bonelli, parlando al comitato elettorale-. Adesso è il momento della massima mobilitazione dentro le istituzioni per difendere non solo le istituzioni ma anche i diritti civili e sociali».

Paragone, Italexit: affluenza bassa non è bene per Paese
«Il risultato di Italexit al di sotto delle aspettative? La nostra scommessa era superare soglia di sbarramento e speravamo in affluenza superiore. Non credo che un’affluenza così bassa sia un bene per il paese». Lo dice il leader di Italexit, Gianluigi Paragone, al tg di La7. «E' una spia rossa sul cruscotto della futura classe dirigente».

I commenti dei lettori