Azzurri, quant’è dura la risalita dall’inferno

Il pareggio con la Polonia regala un pizzico di tranquillità ma cambia poco sul giudizio di una prima prova che non offre molti motivi di soddisfazione. Ci sono pochi buoni segnali e molte falle ma c’è anche una buona volontà di onorare la maglia e rispettare quelli che allo stadio e a casa, di fronte al televisore, continuano a credere a questa squadra

Crostatina di erbette all’arancia e pinoli

Casa di Vita