La mousse di fichi e miele

La mousse di fichi e miele
Un dolce morbido e cremoso che omaggia l'abbraccio ideale fra estate che va e autunno che viene 
1 minuti di lettura

Una ricetta delicata nella consistenza quanto intensa nei sapori dei fichi combinati con l'aggiunta del miele, che aumenta corposità e capacità di donare energia. Giocando sulle tipologie delle due materie prime, si può automaticamente creare una o più varianti della ricetta stessa: si potrebbe, ad esempio, preferire un miele amaro di corbezzolo per un risultato più strong, oppure dei fichi bianchi cilentani per un gusto più garbato. Le stesse quantità necessarie per sei monoporzioni, possono essere utilizzare per una rivisitazione in chiave cheesecake (la ricetta per la base è qui).

 

La ricetta 

 

Ingredienti (per 6 monoporzioni): 

280 gr di ricotta vaccina (o di yogurt greco, per la variante light)
250 gr di fichi freschi 
3 fichi di piccole dimensioni per la decorazione 
15 ml di panna fresca
15 gr di miele (tipologia a scelta)
6 gr di miele per la decorazione 
 

 

Preparazione: 

Come primo passaggio bisogna pelare i fichi, stando bene attenti ad effettuare questo passaggio con delicatezza, in modo da non danneggiare troppo la polpa e soprattutto in modo da essere precisi nella separazione. Una volta pelati tagliateli in quattro o cinque pezzi per uno e poi poneteli in una casseruola abbastanza ampia con metà del miele necessario alla ricetta e la panna liquida. Lasciate cuocere a fuoco basso finché i fichi non saranno quasi del tutto ridotti a crema.

 

Spegnere il fuoco e lasciare raffreddare. Nel frattempo prendere una ciotola, mettere la ricotta, unire il miele restante e mescolare energicamente in modo che la consistenza risulti cremosa. Quando la composta di fichi sarà raffreddata aggiungere un cucchiaio alla volta e incorporare. Ripetere fino a esaurimento della composta.

 

Dividere in parti uguali nei bicchieri/vasetti scelti per il servizio e guarnire ognuno con mezzo fico e qualche goccia di miele. Far riposare in frigorifero due ore prima di servire.