Georgia, la culla del vino: 8000 anni di storia tra anfore e bottiglie naturali

Vinaccioli ritrovati a sud di Tbilisi e analisi chimiche su ceramiche antichissime confermano la presenza di tracce di vino risalenti al VI millennio avanti Cristo
3 minuti di lettura

Dov’è nato il vino? Si tratta di una domanda alla quale forse non tutti sanno rispondere, sebbene sia ormai una certezza, almeno tra gli addetti ai lavori. Si trovano infatti in Georgia le testimonianze archeologiche che ne fanno risalire l’inizio della storia al Neolitico. Le prime scoperte avvengono alcuni decenni fa con il rinvenimento di vinaccioli del VI millennio avanti Cristo tra le rovine dell'insediamento di Dangreuli Gora, nella valle vicino a Marneuli, cittadina di Kvemo a sud di Tbilisi, le cui caratteristiche morfologiche e ampelografiche erano identiche a quelle della Vitis Vinifera Sativa.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori